Percorrendo gli stretti e magnifici caruggi della “Pigna”, il centro storico di Sanremo, si arriva in una delle zone più belle e suggestive della Città dei Fiori.

    I giardini Regina Elena sono tra i parchi che, chi visita Sanremo, non può di certo mancare.

    Il parco occupa una posizione invidiabile e strategica, al colmo dell’abitato storico, appena al di sotto della scenografica salita al Santuario della Madonna della Costa. Dal Belvedere, proprio sotto il Santuario, si gode una vista mozzafiato sulla città vecchia e su Portosole. Il panorama spazia sul golfo di Sanremo, risale verso l’entroterra fino a Monte Bignone, si disperde fra i tetti della vecchia Sanremo, con i soli risalti dei campanili delle chiese.

    L’area ha subito notevoli trasformazioni a partire dalla metà del XVIII secolo. Era infatti in parte occupata dalle opere antistanti al medioevale castello che era stato demolito dai Genovesi in seguito alla ribellione di Sanremo del 1753. La zona venne poi ricostruita a seguito del terremoto del 1887.

    Si crea, così, una successione di balze sostenute da robusti muri di controspinta, il tutto abbellito da piante, aiuole, alberi e palmeti.

    La dedica alla Regina Elena di Montenegro è stata quasi d’obbligo: l’illustre ospite amava infatti Sanremo e vi trascorreva giornate di vacanza.