Riviera Time è andata a Bordighera per fare visita allo studio dello scultore Marco Farotto.

L’artista ha raccontato ai nostri microfoni il proprio percorso: dalla formazione accademica alla ricerca dell’essenzialità della forma, senza rinunciare alla rappresentazione figurativa: “Studiavo l’anatomia e il corpo umano, ma già allora ogni tanto tiravo fuori forme stilizzate, e poi ho portato avanti nel tempo questo stile”.

Dopo un’inizio con l’argilla, la ceramica e la terracotta, Marco è poi passato al marmo, ferro, legno e bronzo: “Si possono inviare dei messaggi e trasmettere delle emozioni anche facendo delle figure stilizzate“.

Lo scultore si è anche impegnato nella stesura di alcuni saggi, tra cui una biografia del periodo bordigotto del pittore Roman Bilinski e un’attenta ricerca sulle incisioni rupestri della vicina Valle delle Meraviglie, distribuito gratuitamente nelle scuole della provincia.

Farotto ci ha accompagnato per un breve tour delle sue opere presenti in studio, mediante le quali ha descritto con maggiore dettaglio i fondamenti della propria ricerca estetica.