giuseppe trucchi saint charles

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato del consigliere comunale di ‘Semplicemente Bordighera’ Giuseppe Trucchi in merito all’ospedale Saint Charles.

“Abbiamo appreso la notizia relativa alla firma del contratto attinente la gestione privata dell’ospedale di Bordighera – scrive Trucchi. Appare doveroso riconoscere correttamente all’assessore Sonia Viale diaver conseguito un obiettivo che si era posta. Con altrettanta correttezza e sincerità riteniamo opportuno richiedere che il contratto appena possibile venga portato a conoscenza dei consiglieri comunali di Bordighera.

Appare chiaro a tutti che, essendo l’Ospedale Saint Charles di proprietà comunale e non regionale, i consiglieri hanno il diritto ed il dovere di conoscere con assoluta precisione i termini del contratto firmato per poter effettuare le valutazioni di competenza.

Il raggiungimento dell’accordo tra Regione e Privato è costato molta fatica e tempi lunghi. Riteniamo quindi che possa essere compresa la preoccupazione di molti cittadini che recentemente hanno visto l’Ospedale impoverirsi sia per quanto riguarda i reparti sia per quanto riguarda le risorse umane.

Negli ultimi giorni viene diffusa la notizia, che siamo certi sia destituita di fondamento, che sarebbe intenzione della ASL chiudere per le ore notturne il Punto di Primo Intervento a partire da ottobre. Sarebbe veramente auspicabile una smentita e una rassicurazione
da parte della Direzione ASL e la garanzia che ciò non avverrà sino alla attivazione del nuovo Pronto Soccorso.

Altra rassicurazione indispensabile sarebbe quella relativa al Palasalute che doveva essere ubicato nella palazzina lato est dell’Ospedale e che perderemo,cosa molto grave per un territorio che presenta gravi criticità nei servizi territoriali”.

Articolo precedenteEletto il nuovo consiglio diocesano di Azione Cattolica Ventimiglia-Sanremo
Articolo successivoMarco Scajola (Cambiamo con Toti Presidente): “Un augurio di buon inizio anno scolastico agli studenti, agli insegnanti e al personale scolastico”