Festival di Sanremo 2017, storici ‘big’ fuori dalla finale

Rush finale verso la conclusione di questo 67° Festival di Sanremo. Ieri sera sono state tante le sorprese e le emozioni, a partire dal vincitore della categoria ‘Nuove proposte’ fino all’eliminazione di altri quattro ‘big’.

LA FINALE DELLE NUOVE PROPOSTE

Lele

Una finale tutta al maschile; la spunta Lele con “Ora mai” battendo Maldestro, Leonardo Lamacchia e Francesco Guasti. Sono poi stati consegnati i premi della critica: a Maldestro quello della sala stampa Mia Martini, mentre quello della sala stampa Lucio Dalla va a Tommaso Pini con la sua “Cose che danno l’ansia”.

I ‘BIG’ ELIMINATI – Ieri hanno cantato i 20 ‘Campioni’ ancora in gara, di questi ne sono stati eliminati quattro: Ron, Gigi D’Alessio, Al Bano e Giusy Ferreri.

Risultato che rimarrà nella storia del Festival: quattro colossi della musica italiana eliminati dai bravi e preparati ragazzi dei talent. Colpa del televoto o della critica? Non lo sappiamo ancora, domenica verranno pubblicati i dati e faremo le nostre valutazioni.

Non parteciperanno alla finale Giusy Ferreri, Ron, Al Bano e Gigi D’Alessio

 

PAOLO GIORDANO COMMENTA IL FESTIVAL – Paolo Giordano, firma di spicco de Il Giornale, critico musicale ed esperto del Festival, ha commentato la 67esima edizione della kermesse canora. (GUARDA IL VIDEO)

IL PRONOSTICO DI MARINO BARTOLETTI – Si sbilancia il giornalista Marino Bartoletti, memoria storica del Festival di Sanremo. Dopo le prove di ieri è rimasto colpito dalla canzone “Che sia benedetta” di Fiorella Mannoia. La cantante è già da tempo la favorita anche per i bookmaker. (GUARDA IL VIDEO)

LE PREFERENZE FUORI DALL’ARISTON – Ci avviciniamo alla fine di questo 67° Festival di Sanremo. Abbiamo chiesto ai fan davanti al Teatro Ariston chi vincerà. (GUARDA IL VIDEO)

 

[Foto  di copertina e all’interno dell’articolo tratte dalla pagina Facebook ufficiale Festival di Sanremo]

Articolo precedenteFestival di Sanremo 2017, Masini: “Ecco perché l’omaggio a Faletti”
Articolo successivoCaridi: “Area Sanremo e Sinfonica, due colonne portanti della città”