Tommaso Perazzo

Il 58° Festival Internazionale di Musica da Camera di Cervo entra nella sua penultima settimana di programmazione. Venerdì 20 agosto il sagrato dei Corallini di Cervo ospita in doppia replica il trio jazz del pianista Tommaso Perazzo (con Marcello Cardillo alla batteria e Kimon Karoutzos al contrabbasso) insieme a Fabrizio Bosso, stella della scena jazz italiana, un artista consolidato e apprezzato a livello nazionale e internazionale.

La produzione è stata espressamente richiesta e commissionata agli artisti dal Festival di Cervo, con l’obiettivo di favorire opportunità di sviluppo e crescita professionale alle nuove generazioni anche grazie alla possibilità di affiancare in un’esperienza professionale un grande interprete e artista senior, oggi particolarmente affermato, già conosciuto e apprezzato dal pubblico del Festival di Cervo per le sue precedenti esperienze sulla Piazza dei Corallini.

Vincitore assoluto del Premio Internazionale Massimo Urbani 2018 e del Keep en Eye International Jazz Award 2018 di Amsterdam (1° premio miglior solista a Tommaso Perazzo, 2° premio assoluto al trio), il pianista genovese Tommaso Perazzo, classe 1996, si è già imposto in altri importanti concorsi ed esibito in festival e jazz club d’Italia e d’Europa. Nel 2020 il suo trio ha ottenuto il Primo Premio al Barga Jazz Contest.

What’s coming next è il titolo dell’album d’esordio di Perazzo e del suo trio. Tre musicisti che da Genova, Napoli e Atene si sono trovati in un’altra grande città portuale, Amsterdam, costituiscono uno splendido esempio della rinnovata dimensione europea del jazz di oggi. Registrato nel novembre del 2018 e prodotto dalla Musicamdo Jazz Records, What’s coming next cristallizza l’esperienza di tre musicisti under ventisei al culmine di una fase cruciale della loro formazione, lanciandoli verso la successiva (Tommaso Perazzo è vincitore di una borsa di studio presso la prestigiosa Manhattan School of Music di New York). Nelle linee melodiche, nelle ritmiche e negli arrangiamenti realizzati dal Trio si riconosce un rispettoso e acuto sguardo verso la tradizione – Keith Jarrett, Herbie Hancock, Esbjörn Svensson Trio, Brad Mehldau – che non è mai prevedibile o banale.

Intorno al Festival: vivere Cervo

In occasione dello spettacolo del 20 agosto (prima replica) l’A.S.D. Dianese Outdoor organizza un’escursione a piedi con la presenza di guide, che partiranno da Diano Marina per raggiungere il concerto a Cervo utilizzando i sentieri che congiungono i rispettivi borghi. Il ritrovo e partenza è alle 18.00 in prossimità del Palazzo Comunale, Piazza Dante, Diano Marina. Il costo per il pacchetto comprensivo di escursione, concerto e contributo associazione (posto a sedere in gradinata) è di € 15,00 a persona. Prenotazione obbligatoria, massimo n° 20 partecipanti, contattando l’A.S.D. Dianese Outdoor tel. 3479384694/Email info@dianeseoutdoor.com.

Il Festival di Cervo è anche un’occasione per scoprire il borgo: nelle serate di musica, il Polo museale del Castello dei Clavesana resterà aperto e visitabile dalle 16.00 alle 23.00.

Con il concerto del 30 luglio ha preso avvio il progetto scuole 2021, grazie al quale una “troupe” formata da allievi del liceo Vieusseux di Imperia, già formati in attività didattiche con i docenti durante l’anno scolastico e con il supporto dello staff comunicazione del Festival, sta intervistando alcuni degli artisti protagonisti dando vita a un format condiviso online sui canali del Festival e della Scuola.

Il Festival di Cervo aderisce alla campagna #IoVivoLaSclerosiMultipla ospitando, per tutte le serate di spettacolo del 2021, l’iniziativa “Siamo sicuri di sapere cosa sia la sclerosi multipla?”, che con approccio inclusivo, ironico e leggero si rivolge alle nuove generazioni per contribuire a diffondere informazioni su una malattia apparentemente conosciuta, ma che nasconde ancora diverse zone d’ombra. Promossa dall’omonima associazione capitanata dalle giovani Federica Frazzitta e Chiara Generini, l’iniziativa ha già toccato Firenze e Milano con un positivo riscontro di pubblico e giunge ora a Cervo in occasione del Festival Internazionale di Musica da Camera.

Durante le serate del 58esimo Festival Internazionale di Musica da Camera di Cervo, all’Oratorio di Santa Caterina, sede della biglietteria e del concerto in doppia replica del 22 agosto, sarà allestito un percorso per immagini dove saranno protagonisti gli scatti del maestro Settimio Benedusi, grandi ritratti in bianco e nero che raccontano testimonianze di vita vera. La campagna punta a diventare un fenomeno virale attraverso una diretta provocazione rivolta al pubblico per incentivare la conoscenza della patologia e, aiutandone la condivisione, migliorare così anche lo stile di vita di chi vive quotidianamente la malattia con messaggi di fiducia e positività.

Articolo precedenteArma di Taggia, ‘no vax’ imbrattano il centro vaccini ‘drive’
Articolo successivoVentimiglia: ieri vertice Lega, FdI e FI. Il centrodestra al sindaco Scullino: “Serve forte discontinuitĂ  per proseguire mandato”