Controlli più intensi quelli effettuati dalla Capitaneria di Porto di Imperia che hanno portato a oltre 8mila euro di multe subite da diportisti e nuotatori incauti durante queste ultime giornate da “bollino nero”, che vede il picco della capienza di entrambe le categorie, senza escludere possibili disagi.

    L’operazione “Mare sicuro” si rivela dunque efficace, con la maggior parte delle infrazioni commesse dovute perlopiù a negligenze personali inerenti all’incolumità propria e quella altrui.

    Al centro del mirino dei militari è l’alta velocità dei natanti che si trovano spesso troppo vicino agli accessi alle marine e alle zone riservate alla balneazione. Non sono esclusi i subacquei che si dimenticano di segnalare la loro presenza oltre i 200 metri dalla costa, oppure gli stessi sorpresi a operare in aree dedicate ai soli bagnanti.

    La Guardia Costiera manterrà comunque un dispositivo rafforzato di pattuglie per tutta la settimana in corso, con l’ausilio di motovedette e squadre appiedate. Si raccomanda sempre la massima attenzione alle condizioni meteo, in particolare quelle relative al vento, onde evitare difficoltà di rientro per chi pratica sport su tavola.