[beevideoplayersingle videourl=”https://vimeo.com/218177594″]Il Santuario di Nostra Signora della Rovere è tra i più antichi di tutta la Liguria. Sorge a San Bartolomeo al Mare, tra il verde di alberi ad alto fusto e a pochi passi dai resti un’antica mansio romana.

Dal punto di vista architettonico, il Santuario manca di unità, in quanto è stata costruita in più fasi successive, con sovrapposizioni di stili. Secondo alcune ricerche, la prima cappella risalirebbe già al VII secolo. La sua esistenza è documentata invece già dal 1353.

Al suo interno la chiesa presenta tre navate, separate da pilastri ottagonali e quadrati, questi ultimi residui dell’antica struttura del Trecento. La volta della navata centrale è affrescata con le immagini di due eventi prodigiosi legati al Santuario: l’apparizione della Vergine e la guarigione miracolosa di Giacinto Perato di Rollo.

I turisti e i pellegrini che giungono in questo luogo, lo fanno principalmente per fare visita alla statua miracolosa della “Madonna della Rovere”, situata in un altare ornato da marmi policromi e colonne tortili nella navata sinistra. La statua, scolpita in rovere, risale al XIV secolo e, nonostante la sua grezza semplicità, possiede un fascino mistico come poche altre immagini sacre.

Articolo precedenteSanremo, inaugurata la “Festa del Mare”
Articolo successivoGli ex lavoratori Tradeco pignorano il Comune di Imperia