La giunta regionale della Liguria, su proposta dell’assessore al Turismo Gianni Berrino, ha approvato l’estensione per i contributi a fondo perduto, destinati alle imprese turistiche operanti nei comprensori sciistici di Santo Stefano D’Aveto e Monesi (Triora e Mendatica) danneggiati dalla mancata apertura al pubblico della stagione sciistica invernale 2020/2021, ai Comuni di Rezzoaglio, Molini di Triora e Pornassio.

Lo scorso 7 settembre, la Giunta Regionale aveva approvato l’assegnazione di ristori economici per oltre 570 mila euro: conclusa l’istruttoria delle domande di contributo presentate dalla 57 imprese interessate, tutte ammissibili, sono stati assegnati fondi pari a circa 320 mila euro. “Abbiamo quindi deciso di estendere la rimanente somma di 250 mila euro anche agli altri comuni limitrofi dei due comprensori in quanto ugualmente penalizzati dalle chiusure dello scorso inverno dovuto al lockdown – dichiara l’assessore Berrino. – Queste risorse saranno utili per ripartire nella imminente stagione invernale e per fare un inverno alla grande. Si scia e ci si diverte sulla neve anche in Liguria”.

Le aziende interessate possono o scegliere un contributo forfettario a fondo perduto pari a 3 mila euro oppure una percentuale del 60% della differenza positiva tra il fatturato e i corrispettivi del periodo compreso tra novembre 2018-aprile 2019 e novembre 2020-aprile 2021. Le domande devono essere presentate dal prossimo 5 novembre fino alle ore 12 del 10 novembre 2021. 

Articolo precedente“Liguria Preziosa: dimora naturale”: il restart della regione passa per i parchi
Articolo successivo‘Halloween di Confesercenti’: rinviate, causa previsioni meteo avverse, le animazioni previste a Ventimiglia e Sanremo