donzella auditorium alfano sanremo

Entro un paio di settimane, o al massimo all’inizio di ottobre, dovrebbero riprendere i lavori per completare l’auditorium Franco Alfano a Sanremo.

Avviate all’inizio dell’anno e poi subito stoppate causa emergenza sanitaria, le opere per la realizzazione della struttura che domina la passeggiata Imperatrice dall’alto dello storico Parco Marsaglia sono riprese ai primi di maggio appena terminato il lockdown. Ma dopo poco tempo si sono nuovamente dovute interrompere con la riapertura degli alberghi circostanti: i rumori dei lavori, affidati alla ditta Marino, avrebbero causato disturbo agli ospiti degli hotel vicini.

Lo stop adesso sta per terminare e secondo il piano di avanzamento degli interventi l’auditorium potrebbe essere pronto entro le festività natalizie. A quel punto resterà da risistemare tutto ciò che circonda il nuovo palco, i camerini e le capienti gradinate, con la piantumazione di alberi e piante cercando di mantenere il più possibile l’aspetto originale di Parco Marsaglia. Ad aggiudicarsi l’appalto in questo caso è stata Sanremo Piante che ha proposto un ribasso di un quinto rispetto alla base, per un importo che non raggiunge i 60mila euro.

Tenuto conto di immancabili ritardi dovuti a motivi disparati (meteo in primis) si ipotizza che auditorium e parco nella versione nuova e definitiva possano essere usufruibili per tutti nella seconda parte della primavera 2021, ben oltre le previsioni che anche l’assessore ai Lavori Pubblici Massimo Donzella (ex vice presidente della Regione Liguria in quota Udc sino al 2015 con la presidenza Burlando e successivamente entrato a far parte della Direzione regionale del Pd), meno di quattro mesi fa aveva annunciato.

Articolo precedenteIsolabona, Lega: “Affissione abusiva, contro le norme sulla propaganda.” Ioculano: “Ci spiace, è stata dimenticanza. Lega ha pochi contenuti su cui attaccare”
Articolo successivoImperia: Tajani lancia la campagna elettorale dei moderati “Siamo il centro del centrodestra. Sondaggi? Meritiamo e prenderemo di piĂą”