[beevideoplayersingle videourl=”https://vimeo.com/227040790″]Sono arrivati dalla lontana Chemnitz, localitĂ  della Sassonia, i quaranta musicisti della Ensemble Amadeus, che ieri sera sono saliti sul palco del Molo delle Tartarughe a Diano Marina per un concerto che ha spaziato tra la musica barocca e la classica.

Un concerto coinciso con un appuntamento importante: i 20 anni dalla fondazione dell’orchestra. Era infatti il 1997 quando Normann Kästner, violinista e grande estimatore di Mozart, decise di mettere su l’Ensemble Amadeus con un gruppo di amici.

La scelta del Ponente ligure per questa terza volta in Italia dell’orchestra (in passato erano già stati in Veneto e Toscana) non è casuale: è stato infatti la grande volontà di un cittadino tedesco, che da anni abita da queste parti, a far sì che la città degli Aranci potesse vivere una grande serata di buona musica.

La formazione tedesca sta trascorrendo un periodo di vacanza in Riviera dei Fiori e durante gli undici giorni di permanenza, oltre a visitare varie località, ha messo in programma ben quattro concerti. Riviera Time ha seguito quello andato in scena ieri a Diano Marina e ha scambiato qualche battuta con il fondatore, nonché direttore, Normann Kästner.

Articolo precedenteImperia, Capacci rompe il silenzio: “A settembre presenterò una mozione di fiducia su quanto fatto in 4 anni”
Articolo successivoDifferenziata porta-a-porta, Nocita: “I cittadini devono ridurre la produzione di rifiuti”