La Liguria è la prima regione del Nord Italia per numero di illeciti ambientali e il Ponente si conferma maglia nera. È quanto emerge in sintesi da Ecomafia 2017 di Legambiente, le storie e i numeri della criminalità ambientale in Italia.

I dati, forniti da Legambiente Liguria, fanno registrare 1456 denunce, otto arresti e 155 sequestri. Secondo Legambiente, la Liguria appare colpita soprattutto dal business del ciclo del cemento, con 159 infrazioni accertate, 278 denunce e 25 sequestri.

Molto male il Ponente ligure. Gran parte dei fenomeni segnalati nel dossier sono infatti riferibili all’Imperiese (76 infrazioni su 159 e 158 denunce su 278).

Articolo precedenteSanremo, un giugno deludente frena la crescita del Casinò
Articolo successivo1993 – Miss Muretto festeggia 40 anni e diventa concorso nazionale