escursione rocchetta nervina

Marina Caramellino, guida ambientale escursionistica appassionata di storia, domenica 9 gennaio, racconta Rocchetta Nervina e la valle del Rio Barbaira. Giovedì 13 gennaio dal passo del Ginestro alla torre dell’Ubaga.

Non tutte le escursioni sono uguali, ogni guida ambientale ha le sue specializzazioni e le sue passioni. Marina oltre alla specializzazione sull’ambiente si interessa di storia e cultura dei luoghi dove accompagna, così le sue escursioni appassionano per i racconti e gli aneddoti.

Domenica 9 gennaio a Rocchetta Nervina, il borgo situato al fondo del vallone del Rio Barbaira ove i monti che lo circondano tracciano la linea di cresta tra le valli Roia, Nervia e il confine francese, condurrà un’escursione fra boschi e macchia mediterranea selvaggia. Rocchetta Nervina deriva da Rocca, borgo fortificato e Nervina cioè valle Nervia. Un saliscendi a volte ripidi per ammirare panorami non troppo lontani delle Alpi Liguri innevate. Si parte alle 8 da Imperia uscita autostrada Ovest oppure alle 9 da Rocchetta Nervina.

Giovedì 13 gennaio, dal passo del Ginestro alla Torre dell’Ubaga. Un angolo di terra avvolto da un importante momento storico in cui le truppe napoleoniche si scontrano con quelle austro-piemontesi proprio in questo valico e su questi pendii. Il passo del Ginestro unisce Cesio, alta valle Impero con la val Lerrone. In tarda primavera la fioritura delle ginestre è un’esplosione di colori da stordimento. Salendo fra ginestre, rosmarino e timo, superata la macchia i boschi di roverelle ci accompagnano sino alla torre dell’Ubaga. Una torre voluta dai Marchesi di Clavesana costruita intorno all’anno mille, dopo le prime invasioni dei Saraceni, pare sia stata distrutta da un incendio appiccato dalla popolazione stanca dei soprusi dei loro feudatari. Gli ultimi resti della torre sono pezzi di muri in pietra della base.

Si parte alle ore 9 dal parcheggio fra la ferrovia e la grande rotonda a Imperia.

Si raccomanda l’uso di buone calzature e di un abbigliamento adeguato alla stagione. Preferibile l’uso dei bastoncini per non sovraccaricare le ginocchia.

Per info e prenotazioni chiamare o scrivere a Marina, guida AIGAE: cell. 337 1066940.

Articolo precedenteToti spinge per l’obbligo vaccinale per tutti i lavoratori: “Richiesta avanzata al Governo”
Articolo successivoSan Bartolomeo al Mare: rinviato a domani l’evento “Aspettando la Befana”