dolcedo

Lunedì 26 luglio, alle ore 21, si svolgerà il primo concerto della rassegna “Per le vie del Borgo” organizzata dall’amministrazione comunale di Dolcedo. Il primo gruppo ad esibirsi sarà il trio “Mi Linda Dama”.

“Mi Linda Dama” è un progetto musicale di ispirazione mediterranea; composizioni proprie e pezzi della tradizione musicale sefardita; canti antichi dalla forte carica emotiva riproposti con arrangiamenti freschi e originali, volti ad enfatizzare la fusione di tante culture mediterranee, in un connubio di suoni antichi e moderni grazie all’utilizzo di un’ampia varietà di strumenti di epoche ed aree diverse. Un approccio che vuole essere fusione, rinascita e innovazione, e che consenta una riscoperta di un repertorio antico ma dai significati estremamente attuali, essendo nato da una migrazione attraverso tutto il Mediterraneo.

Formazione

“Mi Linda Dama” è un trio musicale che si avvale di preziose collaborazioni in studio e live ed è così composto: Namritha Nori (voce, loop), Giulio Gavardi (chitarra, saz turco, bouzouki, synth, sax soprano) e Alvise Seggi (contrabbasso, oud).

Fondato nel 2015 e da subito in costante e intensa attività live il progetto si è esibito in numerose regioni italiane in oltre 200 concerti e festival. Nel 2017 vincono il premio nazionale “Folk and World: nuove generazioni” e il concorso “Musica nelle Aie” di Faenza. Ad aprile 2017, pubblicato da Radici Records esce il primo album: Matesha. In primavera 2019 il secondo album: Skalerica, con collaborazioni prestigiose.

Il concerto si svolgerà nella piazzetta antistante la chiesa parrocchiale di Dolcedo e, a causa del ridotto numero di posti a seguito delle attuali norme anti-covid, sarà obbligatoria la prenotazione al numero 338 9107703, tutti i giorni dalle 15 alle 17.

Articolo precedenteOspedaletti: fine luglio e agosto ricchi di eventi, dalla musica al cabaret passando per la tradizione
Articolo successivoScuola, Croci (Flc Cgil): “In Liguria introvabili i docenti di sostegno. Ne mancano più di mille. Solo 52 abilitati in graduatoria”