video
05:16

Attraverso la signora Lucia Clemente, artigiana iconografa, abbiamo scoperto il mondo delle icone. Immagini sacre, che vengono dipinte su legno stagionato e privo di nodi, decorate in oro, argento e pietre preziose è un’arte tipica bizantina e russa.

Lucia Clemente ha un laboratorio nel centro di Dolceacqua, si è avvicinata al mondo delle icone sia per curiosità che per il fascino che emanano. Sicuramente non immaginava che per realizzare un’icona ci fosse così tanto lavoro da svolgere. La cosa più importante è scegliere il legno giusto , stagionato e senza nodi, per poi passare alla gessatura che va ripetuta sette volte.

“Per essere un’iconografa – afferma Lucia Clemente – non è necessario avere fantasia, ma essere un semplice messaggero del Signore, perché attraverso di noi viene realizzata l’immagine sacra, le icone infatti devono essere immediatamente riconosciute e la simbologia le contraddistingue. La tecnica è molto difficile da imparare, si usano solamente pigmenti sciolti con il tuorlo d’uovo e i tempi per la realizzazione sono molto lunghi.”

“Ho molti clienti dell’est – conclude Lucia – entrano nel mio atelier e vedo che sono contenti, ciò significa che riconoscono le icone”.

Articolo precedenteBando destinato ai lavoratori dello spettacolo: Regione Liguria accoglie tutte le 441 domande presentate
Articolo successivoTaggia: inaugurato nei locali della stazione ferroviaria il centro vaccinale del distretto sanremese