Oltre 700 persone si sono recate ieri sera a Villa Scarsella per lo spettacolo dedicato al Maestro Ennio Morricone, compositore di fama mondiale e due volte premio Oscar.

    Ad arricchire la serata la presenza del soprano Susanna Rigacci, nota come la “voce di Morricone nel mondo” e dell’orchestra Le Muse (ex Rondò Veneziano), diretta dal maestro Andrea Albertini.

    Il concerto, che già grande successo ha avuto lo scorso anno, si è incentrato sulle più belle colonne sonore scritte dal grande compositore romano, dagli esordi con Sergio Leone (1964, Per un pugno di dollari) fino alle più recenti collaborazioni con Tornatore, Joffè e Tarantino. Molto successo hanno riscosso le particolari rielaborazioni dei più famosi brani che hanno “dipinto” gli spaghetti western di Leone (C’era una volta il west; Il buono, il brutto e il cattivo; Giù la testa), le magiche atmosfere di Mission, le tinte più moderne di Malena, Nuovo Cnema Paradiso e le intramontabili canzoni come Se telefonando (portata al successo da Mina) e Here’s to you (cantata da Jon Baez).

    A calcare il palco raccontando aneddoti sulla sua personale conoscenza col Maestro Morricone è stata Susanna Rigacci, nota al pubblico internazionale soprattutto per le sue interpretazioni nei brani delle colonne sonore dei film di Sergio Leone Il buono, il brutto, il cattivo, C’era una volta il West, Giù la testa, scritte e dirette proprio da Ennio Morricone, che dal 2001 l’ha scelta come prima voce nei suoi principali concerti e nelle sue incisioni. Da anni è protagonista sui principali palcoscenici italiani e esteri, dall’Arena di Verona alla Scala di Milano, dalla Fenice di Venezia alla Queen Elizabeth Hall di Londra. A lei è andato il premio della città di Diano Marina.