video

Dopo mesi di attesa arriva finalmente la data ufficiale: riaprirà venerdì 3 luglio l’Incompiuta, la strada a mare che collega Oneglia a Diano Marina, chiusa – lato dianese – da novembre 2019 a causa di una frana.

A chiedere a gran voce la riapertura della strada, definita dal sindaco Giacomo Chiappori un “cordone ombelicale”, erano soprattutto i residenti e i turisti, che la utilizzano come alternativa alla sovrastante via Aurelia.

La fine dei lavori che in questi mesi hanno interessato il versante del Capo Berta è stata annunciata questa mattina nel corso di una conferenza stampa, alla presenza del sindaco Chiappori, del vicesindaco Cristiano Za Garibaldi e del Comandante della Polizia Municipale, Franco Mistretta. Gli interventi di mitigazione del rischio hanno riguardato la rimozione del materiale franato a novembre e il posizionamento delle reti di contenimento.

Per evitare che in futuro la strada debba essere nuovamente interdetta al traffico, però, sarà necessario svolgere una serie di interventi definitivi, come sottolineato dal primo cittadino: “La visione è quella futuristica, che come Amministrazione abbiamo sempre avuto di quel tratto di strada, per poter fare la ciclovia del mare che dovrà connettersi alla futura ciclabile di Imperia. Per fare questo ci dobbiamo incontrare con Anas, Regione e Provincia“.

L’investimento complessivo ammonterebbe a circa 10 milioni di euro. “Abbiamo due seri problemi: uno a mare, quindi evitare l’erosione del piede dell’Incompiuta, e l’altro evitare la continua frana di Capo Berta che interessa la via Aurelia – prosegue Chiappori. – Il problema non è solo del dianese, ma dell’immagine turistica e infrastrutturale di tutta la Regione.

Pensiamo che la risposta sia sicuramente positiva, che da questo tavolo troveremo gli accordi giusti per fare una galleria a giorno, una zona di ripascimento nella parte a mare, e con l’ultima indagine geologica dare significato alle nostre parole, per completare un’opera che è lì ferma da anni.

Sulle tempistiche: “Se tutto va bene io credo che nel 2022 quest’opera può essere completata. L’Incompiuta diventerà una ‘compiuta’ in una ciclabile mediterranea meravigliosa, che solo la Liguria può vantare”.