Mercoledì 3 marzo il Museo Civico del Lucus Bormani di Diano Marina, a seguito delle recenti disposizioni ministeriali e regionali, riapre nuovamente al pubblico, con biglietto di ingresso dimezzato per accogliere amici, residenti e turisti nel ricco percorso espositivo che illustra la storia millenaria del golfo dianese: dal Paleolitico medio fino agli eroi del Risorgimento, con particolare attenzione alla presenza degli antichi Liguri e alla romanizzazione del territorio, testimoniata da importanti ritrovamenti archeologici come le ville residenziali e rustiche del Dianese, la mansio di San Bartolomeo al Mare e il relitto di una nave a dolia (grandi contenitori in terracotta sistemati al centro della stiva)affondata verso la metà del I secolo d.C. nelle acque del golfo dianese.

Il Museo sarà visitabile, con ingresso regolamentato e obbligo di mascherina, con il seguente orario: martedì e giovedì 9-12 / 15-17, mercoledì e venerdì 9.30-13.30. Per i gruppi superiori a 5 persone è necessaria la prenotazione; per visite virtuali e lezioni a distanza contattare la Direzione del Museo.

Articolo precedenteRitrovamento bambina dispersa a Ventimiglia, il vicepresidente ligure Piana: “Grazie alle Forze dell’Ordine e ai cacciatori per il loro ruolo sociale e di custodi del territorio”
Articolo successivoCovid, la professoressa Mara Lorenzi: “Perché ancora tanti contagi un anno dopo? La ricerca ci ricorda i meccanismi di rischio”