museo diano marina

Sabato 25 settembre il Museo Civico del Lucus Bormani di Diano Marina aderisce alle “Giornate Europee del Patrimonio (GEP) / European Heritage Days” 2021, aventi quest’anno come tema “Patrimonio culturale: TUTTI inclusi!”.

Nella mattinata il MARM ospiterà una delegazione dell’Università di Vilnius (Lituania) per far conoscere le testimonianze della stratificata occupazione umana dei territori del golfo dianese dal paleolitico all’età moderna. La visita costituisce una nuova tappa del Progetto “Bridges of Culture between the Faculty of Philology of the University of Vilnius and Liguria”, coordinato dal prof. Diego Ardoino del Dipartimento di linguistica e letteratura italiana dell’Università degli Studi di Vilnius e dalla dott.ssa Daniela Gandolfi dell’Istituto Internazionale di Studi Liguri, che intende promuovere anche presso l’ateneo lituano lo studio della storia, dell’archeologia, dell’etnografia e della lingua del territorio del Ponente Ligure e del dianese in particolare, mettendo in evidenza i collegamenti tra Baltico e Mediterraneo.

In tarda mattinata l’evento, coordinato dal dott. Lorenzo Ansaldo, si sposterà a San Bartolomeo al Mare, con appuntamento al Santuario della Madonna della Rovere, per far conoscere le complesse vicende del santuario e del territorio circostante.

Nel pomeriggio sarĂ  possibile visitare gratuitamente il percorso espositivo del Museo dalle ore 15 alle 17.

L’iniziativa è stata organizzata come di consueto in stretta collaborazione con il Settore Cultura e Turismo del Comune di Diano Marina e con l’Istituto Internazionale di Studi Liguri.

Articolo precedenteTorna ‘Area Sanremo’: aperte le iscrizioni per l’edizione 2021
Articolo successivoChiusavecchia: l’uscente Vassallo si ricandida a sindaco e presenta il progetto clou “Una pista ciclopedonale per rivoluzionare il paese”