Dianese nuovamente senz'acqua, i sindaci: "Basta! Vogliamo risposte"

 

L’ennesimo guasto al sistema idrico che ieri ha lasciato “a secco” i cittadini del Golfo Dianese ha esasperato i sindaci dei comuni di San Bartolomeo, Cervo e Villa Faraldi, costretti con mezzi inadeguati ad affrontare un’emergenza che va avanti da troppo tempo. Con il violento temporale di ieri, infatti, un fulmine ha colpito la centralina di distribuzione delle pompe, interrompendo così la fornitura.

Per affrontare il problema, è stata indetta una conferenza stampa alla presenza dei sindaci dei comuni maggiormente colpiti dal fenomeno.

“Vogliamo testimoniare per l’ultima volta ciò che abbiamo già evidenziato anni or sono, che abbiamo bisogno di un’attenzione particolare, tecnica per la risoluzione di questo problema idrico che ogni estate si manifesta in modo sempre più importante” Afferma il sindaco di San Bartolomeo, Valerio Urso.

Fanno seguito alle sue parole quelle di Gian Paolo Giordano, sindaco di Cervo, che dichiara: “Purtroppo gli operatori sono pochi e fanno una fatica terribile anche loro. Questi ragazzi che riescono a servire tutto il Golfo Dianese è una cosa assurda”.

“Noi ci aspettiamo delle risposte” Conclude infine il sindaco di Villa Faraldi, Corrado Elena: “Chi ha preso in mano Rivieracqua è giusto che faccia i programmi e abbia il tempo, ma nel frattempo ci aspettiamo un tavolo per le emergenze”.

 

Articolo precedenteIl MACI di Imperia nuova location del Filmcaravan Festival: dal 25 al 28 luglio
Articolo successivoSanremo, centrodestra all’affannosa ricerca di un candidato sindaco: spunta il nome di Battaglia