cinghiali

A 12 giorni dal lancio, la petizione lanciata da Cia Liguria per cambiare la legge regionale e dare una soluzione definitiva al rimborso dei danni da cinghiali e altri selvatici, ha raccolto oltre 2.000 firme.

Commenta Cia: “Nei diversi stand allestiti in queste settimane sul territorio c’è la fila di persone che vogliono sostenere i cambiamenti voluti dagli agricoltori. Oggi è stata presenta una proposta di legge del gruppo consiliare Partito Democratico Articolo Uno in Regione: 1 milione e 500mila euro di risorse aggiuntive per la prevenzione e il risarcimento danni causato dagli ungulati ad agricoltori e allevatori e in caso di incidenti stradali”.

Dichiara Aldo Alberto, presidente di Cia Liguria: “Accogliamo positivamente questo segnale concreto di risposta alla nostra iniziativa. Ora attendiamo se altri gruppi consiliari faranno altre proposte. Continueremo a monitorare con quali tempi e quali modifiche questa proposta di legge o altre troveranno il consenso definitivo da parte del Consiglio Regionale. Noi intanto proseguiamo a raccogliere firme sul territorio. Tanta gente si è recata nei nostri stand a sostenere la nostra petizione. Ognuno ha una storia sua o di qualche amico o parente, legata a danni arrecati a campi, strutture, persone. Per i nostri agricoltori e per dare una risposta a tutte queste persone, non permetteremo che politica e istituzioni non trovino, anche questa volta, soluzioni adeguate”.

La petizione di Cia Liguria si può firmare anche on line sulla piattaforma change.org. Qui le adesioni hanno raggiunto quota 570.

Articolo precedenteImperia, presentato oggi il progetto pilota “Il Mare da Ponente”. L’assessore regionale Berrino: “Voluto e pensato per consolidare il rapporto imprese e servizi per il lavoro”
Articolo successivoSan Bartolomeo al Mare, il Comune emette ordinanza per l’accensione dei riscaldamenti da oggi