Danni causati dagli ungulati e attività venatoria, Alessandro Piana (Lega) raccoglie le istanze del territorio

Danni causati dagli ungulati e attività venatoria, Alessandro Piana (Lega) raccoglie le istanze del territorio

Serie di incontri negli ultimi giorni per il presidente del Consiglio regionale, candidato alle prossime regionali di settembre, Alessandro Piana (Lega). Al centro alcune tematiche importanti per l’entroterra tra cui l’attività venatoria.

“Il 1° settembre sono stato invitato a partecipare, in rappresentanza della Regione al Trofeo Saladini Pilastri che si svolge sulle nostre alpi tra Piemonte e Liguria sulle pendici del Saccarello,” commenta Piana.

“Ogni anno vede impegnati atleti e cacciatori provenienti da tutta Italia. Si tratta della ricerca del gallo forcello, vero padrone incontrastato delle nostre alpi. Ho assistito alle prime batterie delle prove cani e mi ha fatto piacere perché è parte delle tradizioni che riguardano il mondo rurale e venatorio della Liguria.”

Sono stati diversi gli incontri in questi giorni per discutere l’impugnativa del calendario venatorio da parte del Tar. “Un’impugnativa arrivata in un momento particolare, ossia quando non eravamo più in regime straordinario, ma ordinario. Non c’è rimasto che accettare le osservazioni del Tar permettendo così di poter andare a caccia dal 20 settembre. Dopo le elezioni, con la nuova giunta, metteremo mano alla questione. Riteniamo di essere nel giusto,” dichiara Piana.

Ieri si è invece svolta una riunione tecnica in Provincia, con la presenza anche dell’assessore Stefano Mai, riguardante la problematica relativa ai danni provocati dagli ungualati. Una realtà molto diffusa e che ogni anno crea moltissime difficoltà soprattutto agli agricoltori.

L’intervista integrale al presidente, candidato alle vicine elezioni regionali del 20 e 21 settembre, è visibile a inizio articolo.

Messaggio elettorale a pagamento