Dal progetto della nuova scuola ai parcheggi, Gazzola: "Obiettivo migliorare la qualità della vita a Dolceacqua"

È stato ospite nei nostri studi il sindaco di Dolceacqua, Fulvio Gazzola.

L’estate sta volgendo al termine e il primo cittadino traccia un bilancio sulla stagione estiva 2019: “La mostra di Monet ha segnato un anno molto importante, si è trattato di un evento storico”, commenta Gazzola. “36.700 visitatori in 100 giorni è un numero altissimo che non ci aspettavamo. La stagione è iniziata con questo grande evento che ha lasciato uno strascico importante in termini di comunicazione: sono usciti molti articoli soprattutto all’estero. Anche i fuochi d’artificio hanno avuto un grande successo, questi eventi non sono importanti solo il giorno stesso ma fanno parlare a lungo del territorio”.

Sulle presenze turistiche aggiunge: “I dati della Regione, fino a luglio, ci davano una crescita del +25% di turisti stranieri. questi dati non tengono conto di tutte le strutture ricettive e a Dolceacqua abbiamo 600 posti letto otre i bed and breakfast, quindi la presenza è stata anche un po’ più alta rispetto agli anni passati. È stato un grande successo dettato dagli eventi, dal paesaggio e dalla voglia del turista di vivere in modo diverso le vacanze, puntando sempre di più sull’entroterra”.

Procede a Dolceacqua il progetto per la realizzazione del nuovo polo scolastico: “Abbiamo una grande richiesta di essere presenti con le scuole a Dolceacqua. La scuola attuale è datata e ha pochi spazi, due anni fa abbiamo fatto richiesta per un finanziamento allo Stato e ci è stato concesso. L’idea è di creare una nuova scuola all’ingresso del paese, con spazi adeguati e che dia anche modernità allo studio. È un progetto ambizioso da 6,5 milioni di euro, ci auguriamo di riuscire, prima della fine del mio mandato, a terminare questa opera, che darebbe lustro al paese”.

Non solo grandi progetti ma attenzione anche alle piccole opere: “Abbiamo individuato delle aree e stiamo parlando con Regione e Governo per cercare i finanziamenti, perché fare un parcheggio a Dolceacqua non è facile per via della morfologia del territorio. In questi anni abbiamo lavorato molto sulla promozione turistica e con questo gruppo di amministratori giovani che abbiamo formato, punteremo sul migliorare la qualità della vita dei residenti, curando con più attenzione la piccola manutenzione del paese”.