video

La notizia era nell’aria, nel tardo pomeriggio di ieri è diventata realtà. La Regione Liguria si è aggiudicata il bando da 15 milioni di euro per il progetto di riqualificazione della Pigna, il centro storico di Sanremo.

Il primo ad essere soddisfatto di questo esito è l’assessore regionale all’Urbanistica, Marco Scajola che si è occupato direttamente di questo progetto e di altri due sempre in Liguria che sono stati ritenuti meritevoli del finanziamento statale: il quartiere periferico di Begato a Genova e il litorale di Marinella di Sarzana. In totale 45 milioni alla nostra regione, una bella somma da investire per migliorare la “Qualità dell’abitare”.

“C’è grande soddisfazione, tutto il quartiere è in fibrillazione – dice Chicca Dedali di Pigna Mon Amour – abbiamo apprezzato l’enorme lavoro portato avanti dalla Regione, dall’Ire Liguria, dagli Uffici del comune di Sanremo e degli amministratori pubblici, da Marco Scajola agli assessori locali”.

“Questo progetto finanziato potrà cambiare molte cose nella Pigna grazie a questo denaro che servirà per il recupero di immobili pubblici e privati. Continuerà l’impegno delle associazioni – conferma Dedali – noi vogliamo essere ancora parte attiva nella realizzazione del progetto affinchè diventi un esempio non solo per Sanremo, un recupero filologico e attento alle peculiarità storiche ed artistiche del nostro centro storico”.

“Con questo progetto il cuore della città si lega in modo inscindibile al centro, a via Matteotti e alla zona portuale con la possibilità di migliorare la qualità della vita dei residenti – dice Massimo Donzella assessore ai Lavori Pubblici a Palazzo Bellevue – e aprendosi ai turisti, allo sviluppo del commercio e alla valorizzazione del patrimonio immobiliare pubblico e con la creazione di posti di lavoro negli esercizi commerciali che apriranno”.

“I lavori dovranno essere svolti nel massimo rispetto di chi vive o lavora nella Pigna – precisa Donzella – e quando saranno conclusi avremo la possibilità di accedere a luoghi, piazze, percorsi che ad oggi restano quasi sconosciuti. Per le passate amministrazioni la Pigna era una sorta di spina nel fianco, noi ci abbiamo creduto ed abbiamo trovato il modo di far rivivere il cuore di Sanremo”.

“Abbiamo sempre detto che in questi anni avremmo voluto lasciare un’impronta e adesso, grazie al contributo della Regione e al lavoro di tutta la squadra e degli uffici siamo riusciti ad ottenere questo importante contributo dal Ministero – dice il sindaco Alberto Biancheri – e con l’intervento personale dei privati si raggiungeranno i 30 milioni di investimento complessivo”.

“Questo finanziamento ci permetterà di risolvere problematiche aperte da tempo, in primis la galleria Francia – prosegue Biancheri – e penso che tutta la Pigna abbia una potenzialità enorme grazie ai suoi angoli, ai suoi scorci e alla sua conformazione. Io tra qualche anno me l’immagino con una grande presenza di negozi di artigianato artistico. In questi anni abbiamo fatto crescere il quartiere con interventi strutturali, il potenziamento dell’illuminazione, Palazzo Nota sede del nostro Museo. Con questo finanziamento potremo finalmente avere una visione complessiva per quella che diventerà sicuramente una grande attrazione della nostra città”.

Articolo precedenteBordighera Alta: oggi la prima edizione della festa di Santa Maria Maddalena
Articolo successivoCoronavirus: 134 nuovi positivi in Liguria, tornano ‘Covid free’ gli ospedali in Asl1