Dal Golfo Dianese a Parigi, lo chef Giuliano Sperandio incanta Aromatica

Consegnato ieri mattina il Premio Aromatica allo Chef Giuliano Sperandio, recentemente premiato ai World Restaurant Awards con il ristorante Le Clarence a Parigi.

Giuliano (“A Parigi per tutti sono lo Chef, ma qui sono Giuliano”) ha commosso la platea di Aromatica, con parole semplici e molto intense, nelle quali ha ricordato le sue radici e quelle della sua famiglia. Ha anche spiegato che nel suo lavoro porta ogni giorno tutta la sua identità, il suo essere figlio di questa terra dove, oltre a olio, olive, basilico, pesto, nascono fiori e erbe aromatiche in modo spontaneo.

Nel corso dello show cooking ha preparato un riso porpora con “mochi”, cozze, fave e prosciutto crudo. “Voglio mettere in risalto l’incontro di culture – spiega lo chef – con un mix di erbe spontanee delle nostre vallate e questo riso giapponese”.

Giuliano Sperandio è originario del dianese (è nato a Diano Borganzo, frazione di Diano San Pietro). Chef riservato, attento al dettaglio e amante della materia prima, è un cultore della semplicità e dell’equilibrio.

Il premio è stato consegnato da Barbara Feltrin, Assessore al Commercio del Comune di Diano Marina, e da Enrico Lupi, vice Presidente della Camera di Commercio Riviere di Liguria. Un riconoscimento che premia l’attaccamento al territorio che Sperandio manifesta tanto nel suo lavoro che nel quotidiano.