Abbiamo contattato il Direttore della Croce Azzurra di Vallecrosia Matteo Amato per avere informazioni di come viene gestita l’emergenza in questo periodo così complicato. “Stiamo affrontando da un mese questa emergenza coronavirus, con personale formato appositamente per il trasporto dei pazienti infetti o sospetti e tre unità di soccorso – spiega. – Ci siamo trovati a trasportare più di 15 persone infette nel giro di quarantotto ore, con il passare dei giorni e con le restrizioni che ci sono state imposte posso affermare che siamo passati da 15 pazienti a 4. Ci tengo a dire che è fondamentale continuare a restare a casa, altrimenti tra due mesi ci troveremo nella stessa situazione.

In questo periodo oltre a svolgere i servizi abituali, abbiamo una gamma di servizi in più, come la consegna dei farmaci, la spesa a domicilio e servizi infermieristici per anziani o coloro che hanno bisogno di cure. Non nego che anche noi ci troviamo in difficoltà economica, abbiamo dovuto mettere cinque dipendenti in cassa integrazione, nonostante tutto andiamo avanti svolgendo i nostri compiti con dipendenti e volontari che ringrazio sentitamente. Voglio anche ringraziare la popolazione, le associazioni, gli imprenditori che in questo momento di enorme difficoltà, dove lo Stato non ci ha fornito dispositivi adeguati, lo hanno fatto loro con donazioni, arrivando ad una cifra di ventisettemila euro. La solidarietà da parte di tutti sia con le donazioni in denaro che con l’acquisto di mascherine e tute, ci fa sentire bene e aiuta tutti noi a tenere il morale alto in un momento così difficile”.