san martino genova
Credit: Twice25 & Rinina25 - CC BY 2.5

L’Ospedale Policlinico San Martino informa che un paziente maschio di 34 anni, residente in Asl1, è stato trasferito presso le strutture genovesi con una probabile sindrome trombocitopenica trombotica.

Vaccinato con Johnson & Johnson il 5 di giugno alla ex Gil di Ventimiglia, al momento della sintomatologia si trovava in 11esima giornata post-vaccinale. Durante le prime fasi del ricovero, accanto all’elemento distintivo del calo delle piastrine, si è manifestata una sindrome neurologica trattata rapidamente e con successo dal nostro hub neuroradiologico. È stata avviata l’indagine per la ricerca degli anticorpi anti PF4 per confermare il sospetto di sintesi trombotica. È stata iniziata la terapia con anticoagulanti, come previsto dal protocollo di ALISA, per la gestione diagnostico terapeutica degli eventi tromboembolici post vaccinazione con vaccino a vettore virale. Attualmente il paziente è cosciente e al completamento della fase diagnostica sarà trasferito presso la Terapia Intensiva Generale del Monoblocco.

Giorni fa il paziente ha accusato un problema cardiaco, una cardiopatia dilatativa, che ha scoperto di avere. Nell’anamnesi fatta prima della vaccinazione nessuna menzione di problemi fisici.

Articolo precedenteMaturitĂ  2021, dopo un anno difficile arriva un esame a misura di studente. “I professori ci sono venuti incontro”
Articolo successivoCovid: 21 nuovi postivi in Liguria, calano ancora le ospedalizzazioni in Asl1