giovanni toti

“Oggi alle 18 sul portale regionale prenotovaccino.regione.liguria.it, sono partite le prenotazioni per la dose booster relativa alla fascia tra i 12 e i 15 anni. Nella prima mezz’ora sono state oltre 2.300. Domani mattina alle 8 sarà possibile prenotarsi anche tramite tutti gli altri usuali canali. Le prime vaccinazioni saranno somministrate già da domani. Nelle ultime 24 ore sono stati somministrate 18.371 dosi di vaccino, ancora una volta un numero elevatissimo. È necessario andare avanti così: il vaccino ci difende dalla degenerazione acuta della malattia, ed è necessario ricevere le dosi e i richiami nei tempi corretti per massimizzare la sua efficacia”. Così il presidente e assessore alla Sanità di Regione Liguria Giovanni Toti, che fa il punto sulla situazione Coronavirus e vaccini nella nostra regione.

“Nell’ultima settimana, dal 5 all’11 gennaio, sono ben 10.329 le prime dosi somministrate, di cui oltre 3300 andate a cittadini sopra i 50 anni di età. Sono invece 8.570 le prenotazioni per ricevere la prima dose per gli over 12. Per quanto riguarda la fascia tra i 5 e gli 11 anni, sono oltre 21mila i prenotati e oltre 10mila le persone già vaccinate”.

“Per quanto riguarda la gratuità dei tamponi per gli studenti – aggiunge Toti – è necessario ricordare che è prevista esclusivamente per gli alunni delle classi in cui si sono verificati uno o più casi di positivi accertati. Non è invece previsto il tampone gratuito per un generico monitoraggio degli studenti al di fuori del percorso avviato dalla scuola stessa. La Liguria è la prima regione a livello nazionale a estendere la gratuità dei tamponi a tutti gli alunni delle scuole di ogni ordine e grado, visto che la normativa nazionale prevedeva il rimborso solo per le scuole medie e superiori: abbiamo fatto questa scelta perché ci sembrava corretto che tutti i bambini sia delle materne che delle scuole avessero lo stesso trattamento, a maggior ragione considerando che i più piccoli, sotto i 5 anni, non possono essere vaccinati. Naturalmente si tratta di mettere a punto un sistema ampio e complesso, a cui stiamo lavorando perché sia perfettamente funzionante”.

GRATUITÀ DEI TAMPONI RAPIDI PER GLI STUDENTI

Per quanto riguarda le scuole dell’infanzia (0-6 anni) e le elementari:

Sarà la Asl, tramite la scuola, a inviare la prescrizione alle famiglie degli alunni contatti di caso accertato. Tale prescrizione è necessaria per poter effettuare il tampone gratuito nelle strutture delle Asl e del Gaslini dove sono previsti i tamponi, nelle farmacie e nei laboratori privati accreditati.

Per quanto riguarda invece le scuole medie e superiori si differenzia in base alla misura di contenimento prevista:

Autosorveglianza (se un positivo in classe oppure se due positivi in classe per alunni con terza dose-booster o vaccinati-guariti da meno di 4 mesi). Se è prevista l’autosorveglianza il Medico o il Pediatra possono prescrivere, su richiesta della famiglia dell’alunno interessato, la ricetta dematerializzata indispensabile per effettuare il tampone gratuito esclusivamente presso le strutture pubbliche di Asl e Gaslini dove sono previsti i tamponi e presso le farmacie.

Quarantena (se tre o più positivi in classe oppure se due positivi in classe per alunni non vaccinati o vaccinati-guariti da più di 4 mesi). Se è prevista la quarantena sarà la Asl, tramite la scuola, a inviare la prescrizione alle famiglie degli alunni contatti di caso accertato. Tale prescrizione è necessaria per poter effettuare il tampone gratuito nelle strutture delle Asl e del Gaslini dove sono previsti i tamponi, nelle farmacie e nei laboratori privati accreditati.

Articolo precedenteAirole: attivo l’Ufficio Postale Mobile. Il sindaco Odoero: “Per andare incontro ai cittadini fino al termine dei lavori di adeguamento antisismico”
Articolo successivoGolfo Dianese 1923, mister Roberto Sorrentino guida tecnica della prima squadra