matteo bassetti

“Dopo poco più di una settimana da quando è diventata famosa in tutto il mondo, grazie a ricercatori del Massachusetts sappiamo qualcosa in più sulla variante omicron”, commenta il dottor Matteo Bassetti, direttore del reparto di malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova, con un post sui social.

“La nuova variante che ha terrorizzato forse ingiustamente il mondo, ha acquisito un ‘pezzetto’ del virus del raffreddore comune. Ecco spiegato perché darebbe quadri clinici più lievi, rispetto alla Delta, molto simili al raffreddore. Omicron grazie a questa aggiunta di materiale genetico del virus del raffreddore è più ‘umana’ e meno animale rispetto al Sars-CoV-2 iniziale. Per questo sfugge più facilmente al nostro sistema immunitario che non la riconosce come totalmente estranea”, ha aggiunto Bassetti che cita uno studio sulla variante Omicron realizzata dai ricercatori del Massachussetts.

“Si tratta di una ricerca molto interessante che, se confermata, dimostrerebbe per la prima volta che il virus del Covid si sta spontaneamente indebolendo perdendo la sua forza iniziale di causare malattie gravi. A questo punto c’è quasi da sperare che la omicron soppianti la Delta e le altre precedenti varianti. Sarà anche forse più contagiosa, ma se assomiglia così tanto al raffreddore…”, conclude.

Articolo precedenteBordighera, Toni Capuozzo chiude il “Ponente International Film Festival”
Articolo successivoDomani il derby Imperia-Sanremese, la squadra neroazzurra: “Alla nostra società tre posti in tribuna. Rammarico per l’accoglienza”