centro vaccinale camporosso

L’Asl1 informa i lavoratori frontalieri, under 65, che hanno effettuato la prenotazione sino alle ore 18 del 24 febbraio, che nei giorni sabato 27 e domenica 28 febbraio, presso il Centro Polivalente Giovanni Falcone, in Località Bigauda in Camporosso, si terrà la vaccinazione con le seguenti modalità.

Per coloro il cui cognome inizia con la lettera:

  • A presentarsi sabato 27  dalle ore 8 alle 9;
  • B presentarsi sabato 27 dalle ore 9.30 alle ore 12.00
  • C presentarsi sabato 27  dalle ore 12.30 alle ore 18
  • D presentarsi sabato 27 dalle ore 18.30 alle ore 19.45
  • dalla F alla G: presentarsi sabato  27 dalle ore 20 alle ore 21
  • dalla H alla K:presentarsi sabato 27  dalle ore dalle ore 21 alle ore 23

Per coloro il cui cognome inizia con la lettera:

  • L: presentarsi domenica 28 dalle ore 8 alle ore 9.00
  • M: presentarsi domenica 28 dalle ore 9.30 alle ore 12.00
  • dalla N alla P: presentarsi domenica 28 dalle ore 12.30 alle 15.00
  • R: presentarsi domenica 28 dalle ore dalle 15.30 alle 16.30
  • S: presentarsi domenica 28 dalle ore 16. 30 alle 18.30
  • dalla T alla Z: presentarsi domenica 28 dalle ore 18.30 alle 20.

Si precisa che tale convocazione riguarda le persone con età inferiore ai 65 anni, le quali hanno ricevuto una e-mail con le informazioni necessarie. Gli over 65 riceveranno apposita convocazione. La seguente organizzazione è motivata dal numero di prenotazioni ricevute e si prega, al fine di garantire il corretto svolgimento delle operazioni, di rispettare le fasce orarie indicate, cercando di evitare assembramenti. Il personale in loco è disponibile a fornire tutte le informazioni necessarie, oltre a presentarsi muniti di tesserino sanitario e consenso informato compilato. Infine, si comunica che le richieste pervenute successivamente, verranno programmate prossimamente.

Articolo precedenteIn Costa Azzurra un gruppo Facebook per comprare sigarette in Italia nonostante restrizioni e divieti
Articolo successivoIntervista a Monica Gatti: dalla pratica sull’ex Sairo al nuovo governo Draghi