giovanni toti

“Se il trend non cambia è possibile immaginare che alle 24 del giorno di Pasquetta talune zone della Liguria non tornino in una fascia di minor rischio, ma prolunghino la chiusura pasquale per alcuni giorni”.

Queste le parole del presidente Giovanni Toti, riportate dall’Ansa, durante l’odierna sessione del Consiglio regionale riferendosi in particolar modo alle più contagiate province di Imperia e Savona.

Il 6 aprile scadrà il decreto vigente contro il covid-19 ma, in attesa di comprendere cosa deciderà il Governo per il dopo Pasqua, dal giorno seguente potrebbero comunque rimanere blindate alcune specifiche zone regionali come spiegato dallo stesso governatore e come già successo per i distretti di Ventimiglia e Sanremo.

 “A Savona si è superata la soglia di warning dei 250 contagi per 100 mila abitanti a settimana – spiega -Se nei prossimi giorni non ci sarà un’inversione di tendenza, è possibile che per le province – o alcuni distretti- di Savona e Imperia, si possa pensare a un prolungamento delle restrizioni”.

Articolo precedenteArtigianato: semplificata la procedura per la concessione del marchio ‘Artigiani in Liguria’
Articolo successivoIl riassunto del Consiglio regionale: dal campo Zaccari alle strutture sociosanitarie