camion

L’emergenza Coronavirus ha messo in ginocchio una cittĂ  e una Regione che si stava appena riprendendo dal tragico Crollo del Ponte Morandi ma ora è tempo di ripartire è il grido di allarme lanciato dall’Unasca (Unione Nazionale Autoscuole Studi Consulenza Automobilistica), sulle gravi ripercussioni per un settore in cui operano 7.000 strutture che danno lavoro a circa 30mila persone.

“Vogliamo aprire subito! Le autoscuole e le scuole nautiche liguri svolgono un ruolo importante nella filiera di queste attivitĂ , in particolare per le patenti nautiche e per le patenti e le abilitazioni professionali. Migliaia di autisti devono rinnovare la carta di qualificazione del conducente, indispensabile per poter condurre veicoli commerciali e industriali e necessari per garantire la catena alimentare e medicinali e generi di prima necessitĂ . Inoltre il turismo nautico e da diporto rimane bloccato dalla impossibilitĂ  di conseguire la patente e vorrei ricordare che le Capitanerie di Porto liguri espletano esami per il 30% dei diportisti italiani”.

Queste le parole del Responsabile nazionale scuole nautiche e Vice Segretario Autoscuole Provincia di Genova Tommaso Boccanfuso che poi precisa: “Siamo stati ascoltati dall’Assessore ai Trasporti Gianni Berrino al quale abbiamo lasciato agli atti una lettera denunciato quanto giĂ  detto e le gravi lacune e il disinteresse che lo Stato ha mostrato nei nostri confronti. Gli abbiamo chiesto di spingere sul Governo per una pronta riapertura dell’attivitĂ  didattica delle autoscuole e delle scuole, nel rispetto delle condizioni di sicurezza, e di valutare soluzioni anche a livello locale per garantire la ripresa nell’interesse della collettivitĂ . Le nostre autoscuole sono tutte in grado di garantire la sicurezza sanificando gli ambienti e gli strumenti di formazione”.

Articolo precedenteLiguria, novitĂ  a partire da lunedì. Toti: “Pronti a consentire il take away, sport all’aria aperta, passeggiate, e valutiamo parrucchieri ed estetisti a domicilio”
Articolo successivoTaggia, i Consiglieri comunali de “Il Passo Giusto” chiedono la “riduzione delle tasse comunali di tutti lavoratori autonomi”