Durante la conferenza stampa di questa sera nella quale il presidente della Liguria Giovanni Toti ha commentato i dati in discesa dell’emergenza coronavirus si è anche parlato di un indice fondamentale: l’R0 che definisce quante persone vengono infettate da un singolo individuo.

Il governatore Giovanni Toti ha commentato: “L’R0 della Liguria rimane a 0.65, uno degli indici virtuosi nel panorama nazionale. Siamo quindi difronte a un quadro che va bene, ma dobbiamo continuare a seguire le misure e le regole che sono sempre le stesse: distanziamento sociale, utilizzo della mascherina e dei dispositivi di protezione, lavarsi le mani.”

Il professor Filippo Ansaldi di Alisa ha spiegato nello specifico l’andamento della curva. “Dopo il lock down del 10 marzo – ha dichiarato – abbiamo assistito a una discesa che ha portato l’R0 da 2.4 a 0.6. C’è stata poi una fase di rilassamento, con una probabile maggiore circolazione che ha portato, dopo l’evento pasquale, a un innalzamento dell’indice che si è pericolosamente avvicinato a 1. Da circa una settimana è sceso ed è stabile sullo 0.65. Siamo quindi confidenti di avere un trend in diminuzione.”

L’indice di contagio è un fattore determinante per le prossime scelte sia della Regione, sia del governo. Per far un esempio significativo e importantissimo per la nostra economia ligure basata sul turismo, secondo gli scienziati l’R0 non dovrà essere superiore a 0.2 prima di poter permettere nuovamente gli spostamenti tra le regioni.

Articolo precedenteSanità, assunzioni straordinarie di personale sanitario: 56 in Asl1 imperiese nell’ultima settimana
Articolo successivoPrezzo del pane inalterato: l’orgoglio di ASSIPAN Imperia per la vicinanza ai clienti