In prima linea in questa emergenza sanitaria Covid-19, oltre ovviamente ai medici e agli infermieri, anche gli operatori e i volontari delle pubbliche assistenze. Per capire la situazione e in quale contesto operano, abbiamo intervistato Marco Gagliardi della Ospedaletti Emergenza.

“Anche se ora si parla di un rallentamento della curva, la situazione non è semplice. I pazienti sono ancora tanti. Dalla nostra esperienza, non vediamo un miglioramento tangibile e immediato. Speriamo di vederlo nei prossimi giorni,” spiega.

Tanto il lavoro nelle ultime settimane tra i presidi notturni e diurni davanti all’ospedale Borea di Sanremo, e la gestione dei pazienti Covid-19.

“Fortunatamente – spiega Gagliardi – il territorio è piuttosto fermo. Le persone stanno in casa e di conseguenza sono diminuiti gli interventi normali non connessi al coronavirus.”

Ma dal punto di vista umano come stanno gestendo questo servizio gli operatori dell’Ospedaletti Emergenza: “Abbiamo tutti un po’ di paura come è normale che sia. Cerchiamo di cautelare noi come di cautelare le altre persone. Siamo però sempre presenti, ma ci si muove con un po’ più di cautela e riguardo.”

L’intervista integrale che tocca tutti i vari aspetti del servizio portato avanti dall’Ospedaletti Emergenza è visibile nel video a inizio articolo.