primo piano - tavolo turismo coronavirus

Si è svolta oggi a Palazzo Bellevue una nuova seduta del tavolo sul turismo alla presenza dell’amministrazione comunale e delle associazioni e operatori di categoria. Una riunione che arriva in un momento delicato per il comparto turistico, messo in ginocchio dall’emergenza sanitaria ‘coronavirus’, tra manifestazioni cancellate e disdette alberghiere.

“È stato un tavolo costruttivo e positivo nonostante gli eventi non siano favorevoli e il clima economico sia assai pesante – dichiara l’assessore al Turismo e vicesindaco Alessandro Sindoni. – Un tavolo unito e compatto, mirato al rilancio del turismo che dovrà partire appena cesserà l’emergenza”.

Fondamentale la promozione che dovrà partire non appena l’emergenza sarà conclusa, ma al di là di questo è difficile trovare altre soluzioni per il comparto. Si attendono gli strumenti che metterà in campo il Governo. “L’idea prosegue l’assessore – è quella di partire da una data, che potrebbe essere giungo, e arrivare fino alle manifestazioni natalizie. Siamo al lavoro con gli uffici, abbiamo istituito un tavolo permanente e abbiamo deciso di farlo settimanale per sentire esigenze e idee. Dobbiamo guardare al futuro sperando che le cose possano risolversi presto anche per Sanremo, che fa dell’economia turistica il perno principale”.

Durante l’incontro è arrivata anche la scelta definitiva di annullare ‘Sanremo in Fiore 2020’, il concorso dei carri fioriti. Una scelta sofferta ma necessaria visto la situazione di incertezza per quanto riguarda le manifestazioni su tutto il territorio nazionale. “Trovare un altro evento che porti 30/40 mila persone in città è quasi impossibile, ma questi soldi non saranno buttati: stiamo lavorando a un calendario estivo importante, con artisti importanti che speriamo diano la loro disponibilità”.

Dai 400 mila euro risparmiati per i carri potranno quindi arrivare le risorse per la realizzazione di un calendario estivo e autunnale importante con nomi di fama ed eventi di portata nazionale. “L’idea è anche quella di usare questi soldi per fare della programmazione infrastrutturale del Comune, ad esempio un progetto di chiusura dei carri fioriti, una manifestazione del tipo la ‘Fête du Citron’ di Mentone”.

“Bisognerà capire bene quali strumenti il Governo metterà a disposizione delle categorie, che sono provate da questa crisi improvvisa – aggiunge Christian Feliciotto, presidente di Federturismo Riviera dei Fiori. – Ci saranno delle iniziative di promozione e di rilancio, siamo fiduciosi che nel giro di un mese potremo partire con una campagna di promozione del territorio e della città per poi rilanciare il turismo locale”.

“Vogliamo ripartire più forti di prima – dichiara il presidente cittadino di Federalberghi, Silvio Di Michele. – Non solo l’estate, quest’anno dobbiamo pensare di non far finire la stagione. Ci sono manifestazioni che saranno rinviate in autunno, questo spero ci permetterà di arrivare a dicembre senza periodi di stagione morta”.

Le interviste integrali sono visibili nel video-servizio di Riviera Time.