Coronavirus, il sindaco Scajola: "Ho paura di chi diffonde il panico e ci marcia. A Imperia predico tranquillità"

Io ad Imperia non ho chiuso gli impianti sportivi e ho cercato di limitare al minimo le restrizioni applicando solo quelle chieste espressamente da Governo e Regione”.

Claudio Scajola, sindaco di Imperia, tranquillizza i suoi cittadini: “Noi ad Imperia facciamo, con calma e senza timori, tutto quello che è necessario fare. Quello che mi fa paura è il panico che si è diffuso, quelli che vogliono fare gli scienziati senza esserlo e quelli che per la loro tranquillità vogliono vietare tutto con il rischio di far fallire le nostre imprese e il nostro commercio”.

“Tutto mi sembra eccessivo – dice Scajola – questo è il vero pericolo che stiamo correndo. Io come tutti, leggo, ascolto, guardo, mi informo e mi pare di capire che ci sia una paura esagerata, che ci sono i fomentatori della paura e che ci sono pure quelli che ci marciano, con esibizione più di muscoli che di buon senso”.

“Sono fortemente preoccupato per l’economia dell’Italia e del nostro territorio. La diffusione di notizie così allarmanti da parte di organi così importanti come lo Stato o le Regioni comporta come conseguenza che da noi non verrà più nessun turista”

Il sindaco di Imperia conclude con il suo consiglio: “Invito tutti a non drammatizzare e seguire le regole. Se drammatizziamo ci facciamo del male da soli creando un danno enorme”.