Coronavirus, Feliciotto di Federturismo: "Comprensibile l'annullamento dei carri fioriti. Fiduciosi per primavera ed estate"

Sull’emergenza in corso e sui riflessi che genera sul comparto turistico nella Riviera dei Fiori, è intervenuto Christian Feliciotto, presidente provinciale di Federturismo.

“Questa situazione che stiamo tutti vivendo non può che avere riflessi negativi sull’intero comparto turistico della nostra zona” dice “ma restiamo fiduciosi che nel giro di qualche settimana le cose possano tornare alla normalità“.

“La decisione presa dal sindaco di Sanremo di rinviare o annullare il Corso Fiorito del prossimo 15 marzo indubbiamente porterà delle cancellazioni e una perdita di fatturato su tutto il comparto. Capiamo però la decisione dell’amministrazione e delle associazioni di categoria perché in questo clima di incertezza era sicuramente la posizione da prendere. Speriamo che ‘Sanremo in Fiore’ possa essere recuperata oppure sostituita con altri eventi di pari importanza”.

Si è parlato di misure compensative per sopperire ai mancati guadagni nel commercio in generale: “Diamo per scontato – dice Feliciotto – che una volta raggiunto il picco di diffusione, l’emergenza vada a scemare senza arrivare ad intaccare la stagione estiva. Se così per disgrazia non dovesse essere, le associazioni di categoria si attiveranno, di concerto con il Governo, per sostenere il comparto in difficoltà”.

Cancellazioni di prenotazioni ne avete avute molte? “Abbiamo avuto qualche disdetta – conferma Feliciotto – da parte di qualche cliente che è stato colto dalla psicosi dettata dall’allarmismo ma non parlerei di un crollo. Almeno per il momento”.