Alice Salvatore

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa di Alice Salvatore in merito alla gestione dei test sierologici in Liguria.

“La Regione Liguria ha riaperto, siamo ben oltre la fase 2. Ancora in fase di emergenza il Governatore aveva annunciato grandi  screening per tutti i liguri. Il test sierologico era la soluzione. Matteo Bassetti, primario del reparto di malattie infettive del San  Martino di Genova, aveva richiesto, per superare il lockdown, uno  screening della popolazione da eseguire attraverso i test sierologici:  un passaggio basilare per favorire la ripartenza del territorio ligure.
Dovevano essere fatti test sierologici a tappeto e banchetti in tutte  le città, con personale sanitario pronto a testare le persone.
Come spesso accade, ma in questo caso il tempo è stato brevissimo, si  può vedere dalle promesse ai fatti cosa viene effettivamente portato  avanti dalla Regione. Ovvero niente.

Niente è stato fatto in tal senso. Nessun banchetto di controllo è  stato organizzato. Si è spinto in modo quasi patologico per la  riapertura ma gli stessi inviti degli esperti e consulenti della  Regione non sono stati ascoltati.
La mancata promessa di controlli sierologici e tamponi sulla  popolazione pesa molto in questa fase della ripresa: il settore  alberghiero viene visto come insicuro, i lavoratori rischiano di  trovarsi a contatto con il virus in un momento in cui non ci si  possono permettere a livello sociale ed economico nuovi contagi.

Le aziende sono il comparto più colpito da questa mancanza della  maggioranza in Regione: per riaprire e riprendere le attività sono  state obbligate a salvaguardare lo stato di salute dei loro dipendenti  spendendo soldi di tasca propria per eseguire i tamponi. La Regione  non ha fornito loro niente, obbligandoli a spendere denaro in un  momento in cui diverse realtà erano sull’orlo del fallimento e  comunque prive di entrate da oltre due mesi. Persino molti operatori  sanitari hanno dovuto pagare per farse un tampone. Perché la maggioranza non ha organizzato uno screening gratuito?  Ancora una volta promesse sono state fatte e non sono state mantenute.

È stata acquistata una macchina per analizzare mille tamponi orofaringei al giorno: un dispositivo pagato con i soldi pubblici e utilizzato poco o nulla. Al momento della ripartenza quindi la Liguria si è trovata ad affrontare la seguente situazione: sempre meno tamponi e test  sierologici a pagamento, ovvero un mancato screening nonostante  maggiori controlli prima della riapertura fossero stati richiesti dal  primario del reparto di malattie infettive del San Martino di Genova.

Le aziende messe in crisi dalla chiusura sono state costrette a pagare  di tasca propria i test. La politica degli annunci prima o poi arriva a confrontarsi con la  realtà: il nulla di fatto. Come si dice: tutti i nodi vengono al pettine”.

Articolo precedenteCoronavirus: saltano le Vele d’Epoca di Imperia, rimandate al 2021
Articolo successivoSopralluogo in strada Suseneo Superiore dopo la frana, Donzella: “Lavori urgenti, ma intervento complesso. Fragilità del territorio? Necessario piano con Regione e governo”