video

Cresce la preoccupazione di pari passo con il continuo aumento dei prezzi dei carburanti. Dopo le notizie di un esagerato incremento della bolletta elettrica, l’ottobre caldo di questo 2021 deve fare i conti con l’inarrestabile corsa delle quotazioni del petrolio e dei gas derivati dal greggio, il gpl ma soprattutto il metano.

In Italia il prezzo medio di un litro di ‘verde’ è arrivato ormai a pochi centesimi da 1,7euro e il gasolio a 1,5 con una ventina di centesimi di risparmio per le insegne ‘no logo’; il gpl spesso arriva a 0,75 e il metano in alcuni impianti del centro-nord Italia avrebbe addirittura superato i 2 euro al chilo.

Per cercare di risparmiare sui costi del carburante, gli automobilisti vanno alla ricerca di distributori con i prezzi più bassi e questa è la situazione, aggiornata ad oggi 5 ottobre, nella provincia di Imperia.

Come al solito, il prezzo migliore – anzi, il ‘meno peggio’ – è quello proposto dal Conad di Arma di Taggia che vende la verde a 1,628 e il diesel a 1,478. L’IP lungo lo svincolo di Arma per l’ingresso in A10 vende a 1,647 e 1,529; il Q8 sempre ad Arma di Taggia in via S.Francesco propone la verde a 1,678 e il gasolio a 1,508. Nel capoluogo, il prezzo migliore lo pratica l’IP di via Garessio (1,679 – 1,569), e resta di poco sotto l’1,7 anche l’Esso di Viale Matteotti (1,699 – 1,589). Prezzo concorrenziale all’Esso di Santo Stefano al Mare (1,689 – 1,549), mentre a Sanremo i meno cari sono l’Agip di via Alighieri (1,694 – 1,574), l’IP di via Armea (1,698 – 1,562) e l’Agip di Corso Marconi alla Foce (1,699 – 1,589).

Al di là della frontiera? Un tempo c’era una certa convenienza, oggi per scovarla bisogna fare diversi chilometri in più, ma se vi trovate da quelle parti, per lavoro o per una gita, si possono strappare prezzi più bassi che da noi. Sono molte infatti le stazioni di servizio che vendono la Verde95 sotto la soglia dell’1,6 euro al litro a cominciare da Mentone e lo storico benzinaio dell’Intermarchè che espone questi prezzi: 1,599 e 1,509, stessi prezzi anche al Total di Roquebrune Cap Martin (1,595 – 1,509), fa meglio l’Esso di Villefranche (1,584 – 1,499). E’ a Nizza il prezzo più vantaggioso, il distributore del Carrefour Lingostiére vende la verde95 a 1,533 e il gasolio a 1,459, si risparmia anche all’Esso La Manda (1,555 – 1,497) oltre che al Relais sulla iconica Promenade Des Anglais (1,566 – 1,489), e in generale si trovano diverse insegne che propongono la benzina a meno di 1,6 e il diesel sotto l’1,5.

Un po’ più lontano, a Cannes il benzinaio del Leclerc oggi vende a 1,532 e 1,469, a Grasse ci sono quattro distributori con la 95 ottani a 1,57/1,59 e infine ottimo prezzo per i tempi che corrono al Carrefour di Antibes che espone1,541 e 1,471 nella sua insegna.    

Articolo precedenteCovid: 58 nuovi positivi oggi in Liguria
Articolo successivoCalcio: domani allo stadio Ciccione Imperia-Novara, i convocati da mister Cortellini