La Confartigianato e la Coldiretti hanno donato due statuine per il presepe ai Vescovi delle Diocesi di Ventimiglia-Sanremo Antonio Suetta e di Imperia-Albenga Guglielmo Borghetti. La statuina raffigura un imprenditore che ha sia gli attrezzi tradizionali del suo mestiere sia il computer, a testimoniare il valore del concetto dell’innovazione nella tradizione.

“Quest’anno – sottolineano dalla Confartigianato il Presidente Donatella Vivaldi ed il Direttore Barbara Biale – portiamo nel Presepe il simbolo dei milioni di artigiani e piccoli imprenditori italiani che hanno saputo reagire alla crisi e oggi sono pronti a contribuire alla ripartenza del Paese. La statuina, realizzata in cartapesta dal maestro artigiano leccese Claudio Riso, è l’emblema degli uomini e delle donne di buona volontà impegnati, con le loro aziende, a costruire un futuro nuovo, all’insegna dell’innovazione e della sostenibilità. Imprenditori che usano gli strumenti digitali e tecnologici per rilanciare le radici profonde della nostra tradizione produttiva, dell’eccellenza manifatturiera made in Italy. Abbiamo voluto rappresentare così l’operosità e il saper fare che animano i nostri imprenditori, protagonisti dello sviluppo economico ma anche attori sociali partecipi della vita delle comunità territoriali. Rinnoviamo la tradizione del Presepe con un segno di speranza: la vitalità e l’ingegno dei nostri imprenditori, il loro slancio per costruire la rinascita economica e sociale dell’Italia”.

Alla consegna delle statuine sono intervenuti per la Confartigianato  il Presidente Donatella Vivaldi ed il Direttore Barbara Biale, e per la Coldiretti il Direttore Domenico Pautasso ed il Segretario di Zona Ventimiglia Enrico Ilariuzzi.

sdr
Articolo precedenteTrasporti: dal primo gennaio aumentano i prezzi per biglietti e abbonamenti del treno
Articolo successivoTre cessioni per l’Imperia, ai saluti Mistretta, Kacellari e Garibbo