Con Corto Maltese – Una ballata del mare salato lo spettacolo di Igor Chierici dedicato al celebre personaggio dei fumetti, si rinnova venerdì 13 agosto sulla Piazza dei Corallini la collaborazione storica del Festival Internazionale di Musica da Camera di Cervo con il Festival Teatrale di Borgio Verezzi. Due dei più antichi festival culturali di Liguria insieme per proporre uno spettacolo dallo spiccato carattere interdisciplinare, tra musica dal vivo e recitazione.

La versione drammaturgica del noto fumetto, firmato dal genio dell’illustrazione Hugo Pratt, prenderà vita sotto forma di spettacolo teatrale in un connubio fra la messa in scena attoriale e la componente della musica eseguita dal vivo. La colonna sonora di questa pièce sarà il vero e proprio corpo portante che riuscirà svelare i nodi drammaturgici accompagnando l’eroe Corto e il pubblico all’interno dei mari, capitanati da Rasputin e dai personaggi che si incontreranno lungo la serata.

“Il legame tra il Festival Internazionale di Musica da Camera di Cervo e il Festival Teatrale di Borgio Verezzi è un legame consolidato – sottolinea il sindaco di Cervo Lina Cha – si tratta per noi di una collaborazione che ha accompagnato un cambiamento progressivo del nostro Festival, aprendolo a spazi inediti di interdisciplinarietà. In questo senso Igor Chierici, gradito ospite di svariate edizioni, è tra gli artisti che più hanno segnato questo cambiamento di passo, adattandosi di volta in volta al palcoscenico dei Corallini”.

La collaborazione tra i due festival prosegue dunque nella linea già avviata negli anni passati: “Gli spettacoli presentati da Igor Chierici si fondano sempre su contenuti significativi dal punto di vista musicale – spiega il direttore tecnico del Festival Internazionale di Musica da Camera di Cervo, Michel Balatti – la musica è dunque al centro e, nonostante Igor Chierici sia già stato tante volte a Cervo, abbiamo voluto questo spettacolo in programma nel 2021 proprio per il suo carattere interdisciplinare. Igor Chierici non è solo attore ma regista e musicista, i format che ha proposto ci hanno sempre convinti sia dal punto di vista drammaturgico che da quello musicale per la loro versatilità”.

L’idea è di portare sul palco un racconto epico alla stregua di un film d’azione. I suoni delle marimba e delle percussioni africane muoveranno la narrazione al ritmo tribale delle popolazioni indigene immergendo la storia nel cuore della vicenda in una vera e propria colonna sonora, come in un film. La cornice offerta dalla magica piazza dei Corallini di Cervo permetterà un allestimento particolare dello spettacolo, diverso da Borgio Verezzi per motivi di spazio ed esigenze sceniche, per una serata all’insegna delle suggestioni della musica e delle storie di mare.

Articolo precedenteStoria di Oneglia: piazza Bianchi e ‘la crociera’
Articolo successivoRilancio del Polo universitario imperiese, Ioculano (PD): “La Regione questa volta rispetti gli impegni e agisca”