Dal 36,48% al 72,80% in un anno. È questa la forbice percentuale ‘conquistata’ da Chiusavecchia e dai suoi abitanti nella raccolta differenziata. Percentuale, tra il 2019 e il 2020, che rende il paese della valle Impero quello con il maggior aumento in Liguria secondo Legambiente.

Una soddisfazione per tutta l’amministrazione del borgo che, nel 2019, così come altri cinque comuni della valle, è passata dai cassonetti alla raccolta porta a porta facendo così un balzo netto in avanti con conseguente sconto in bolletta. La tari 2020 è infatti stata pagata 15% meno rispetto a quella dell’anno precedente e quella del 2021 sarà tagliata di un ulteriore 5%.

Proprio Legambiente racconta questi dati in un video apparso oggi sulle proprie pagine social elogiando quanto fatto da Chiusavecchia.

Articolo precedenteCovid, report settimanale di Asl1 sulle scuole: 41 classi in quarantena, 88 gli alunni positivi
Articolo successivoUna strada per Meosü: oggi sopralluogo per il nuovo tracciato per riportare la vita nella frazione isolata da più di un anno