Chiappori presentazione logo

Dopo l’ufficializzazione della candidatura a presidente della Regione Liguria, Giacomo Chiappori ha presentato oggi a Genova il proprio logo e i primi stralci di programma elettorale.

“Dopo aver annunciato la candidatura, oggi sono andato a Genova a presentare il logo del Grande Nord, Grande Liguria – spiega a Riviera Time. Questo balilla che lancia una pietra verde con presidente Chiappori ha fatto il suo effetto. Credo però che non sia importante solo il simbolo, ma i contenuti e il perché della mia candidatura. In questo momento in Liguria c’è una deriva importante fatta di persone che non sanno più a chi riferirsi, né a destra né a sinistra. A questo punto, senza rubare niente a nessuno, io rappresento la gente che ha necessità di una Liguria diversa. Una per tutte che abbia uno statuto speciale o che questa sanità deve cambiare, Alisa non serve più.  Un altro punto importante è quello dell’accorpamento dei comuni. Vallate intere sono state lasciate morire piano piano, secondo me i comuni vanno accorpati per creare quella grossa realtà che si basa sul blu del mare e il verde della montagna”.

Tema importante, sul quale il sindaco di Diano Marina non si è risparmiato nell’ultimo periodo, quello delle infrastrutture: “Sì – dice Chiappori. Ad esempio credo che non bisogna dire che il nuovo ponte rappresenta tutti noi o che sia un grande progetto. Lì purtroppo abbiamo avuto dei problemi. Se avessimo utilizzato il tempo del covid per aggiustare quello che mancava probabilmente non avremmo avuto la deviazione dei flussi turistici verso altre mete. Ci sono cose che ho ben chiare, vedremo”.

A proposito di turismo è questo un altro dei punti fermi per Chiappori: “Il turismo è uno degli argomenti più importanti. Vengo dal consiglio di amministrazione di Enit, oggi sono un operatore turistico e quindi credo di poterne parlare molto bene. Abbiamo bisogno di strutture turistico ricettive di alto livello, ma anche di una grande promozione sui mercati tradizionali che abbiamo. Lo si può fare inventandoci anche cose nuove come il turismo congressuale, qui abbiamo poco in tal senso. Io ci ho pensato e credo che il prossimo anno a Diano Marina avremo un palazzo congressi, che è importante”.