cervo

Si chiama “Lento – Cervo borgo di cultura sostenibile”, è il progetto con il quale il Comune di Cervo si è aggiudicato, unico con Dolceacqua per la provincia di Imperia, il bando In luce. Valorizzare e raccontare le identità culturali dei territori, promosso dalla Fondazione Compagnia di San Paolo a sostegno della cultura in Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta.

In accordo con le linee guida del bando, il progetto punta alla valorizzazione delle identità culturali, considerate cardine per rafforzare le vocazioni e il patrimonio artistico del territorio in una prospettiva turistica e di sviluppo sostenibile, sia sociale sia economico. Da qui il sostegno alla promozione e allo sviluppo di reti gestionali e promozionali e lo stimolo a una maggiore integrazione fra cultura e turismo. Il progetto “Lento – Cervo borgo di cultura sostenibile” è orientato infatti a una crescita culturale, economica e sociale della comunità locale, di cui vuole interpretare i bisogni coinvolgendola nella valorizzazione della propria identità culturale, da sempre un aspetto che connota Cervo, storicamente borgo di musica, arte e letteratura ricco di beni storico-artistici e immerso in una lussureggiante natura.

“Questo risultato apre una bella prospettiva non solo per quanto riguarda le manifestazioni ma anche per lo sviluppo del tessuto sociale nel nostro borgo, che forse nel passato ci è mancato – è il commento del sindaco di Cervo Lina Cha – è una novità, e il fatto che siamo stati bravi a fare rete con la Proloco Progetto Cervo e con la Cooperativa di comunità Pollaio Aperto ci ha premiati. Le attività legate al progetto “Lento” ci vedranno impegnati nella promozione della cultura viva e partecipata dai cittadini in diverse forme”.

Il progetto vuole individuare e promuovere le specificità culturali di Cervo valorizzandole in una prospettiva di medio-lungo periodo con attenzione al turismo sostenibile per la crescita dell’indotto economico della comunità locale e con l’incoraggiamento a progettualità economicamente sostenibili e attente all’ambiente. Il Comune di Cervo, capofila del progetto, ha mostrato di essere in grado di costruire una rete territoriale ben congegnata, composta da partner che ricoprono ruoli in aree strategiche: il Comune seguirà le politiche culturali, alla Proloco Progetto Cervo andrà la programmazione delle attività turistiche, la Cooperativa di Comunità Pollaio Aperto si occuperà del coinvolgimento della comunità, con attenzione alla sensibilizzazione ambientale e sociale.

Il bando In Luce insisterà sul triennio 2021-2023 con progetti che saranno via via implementati. Gli aggiudicatari, tra cui Cervo, sono solo 21: “È un risultato incredibile a fronte delle oltre sessanta istanze pervenute a Fondazione Compagnia di San Paolo – sono le parole di Michel Balatti, direttore tecnico del Festival Internazionale di Musica da Camera di Cervo – In Luce è un bando pilota dedicato alla valorizzazione territoriale che ha al centro un piano di promozione culturale e turistica qualificata degli stessi territori. Per Cervo il contributo di Compagnia di San Paolo non è una novità: siamo percettori di contributi dal 2018, ma questo risultato attesta un passaggio ulteriore con un cresciuto impegno di Cervo e di CSP sul territorio”.

Spiega ancora Balatti: “Il progetto artistico riassume sotto un unico contenitore, che avrà un’identità visiva e comunicativa, le iniziative più importanti che il Comune realizza, e che con “Lento” saranno ulteriormente sviluppate. Grazie a questo progetto ad ampio raggio, per esempio, la realtà consolidata del Festival vedrà l’inserimento di eventi sperimentali, e metterà insieme lo spettacolo dal vivo e programmi tematici dedicati all’infanzia e all’ambiente. Il patrimonio storico e paesaggistico di Cervo assumerà un ruolo centrale grazie a iniziative pensate per rendere unica l’esperienza nei luoghi del borgo”.

Se il format del Festival si amplierà nei contenuti, prevedendo due residenze artistiche a Cervo, numerose saranno anche le iniziative legate a Cervo ti Strega e gli appuntamenti a tema letterario. Si rafforzerà poi la sinergia tra Proloco e Comune, nell’ottica di valorizzare e far vivere il territorio. “Il bando In Luce è un’importante opportunità di collaborazione tra le parti – commenta Marlene Grosso, presidente della Proloco Progetto Cervo – noi potremo sviluppare nell’ambito di “Lento” i nostri progetti legati al territorio e al turismo lento e sostenibile facendo sistema con gli altri partner del progetto e collaborando con realtà outdoor locali”.

Allo sviluppo delle potenzialità dei piccoli comuni si rivolge anche Pollaio Aperto, Cooperativa di comunità attiva in Valle Steria, che incontra nel bando In Luce la possibilità di incentivare turismo responsabile e ospitalità diffusa recuperando le antiche tradizioni e invitando al rispetto per l’ambiente in un contesto paesaggistico unico. “Ci proponiamo come presidio culturale del patrimonio di eccellenze agro-alimentari del territorio – spiegano dal direttivo – grazie alle possibilità offerte dal progetto “Lento” vorremmo coinvolgere la comunità cervese dando spazio a un turismo che promuova la conoscenza delle culture locali, nel rispetto dell’ambiente e dei sistemi di vita delle comunità. Tra le attività in programma, abbiamo laboratori di sensibilizzazione sul patrimonio dei saperi tradizionali e sulla sostenibilità ambientale e sociale”.

Articolo precedenteA due passi dal confine, il borgo di Fanghetto
Articolo successivoSanremo: la magia e le seduzioni di “Le Mille e una notte” domani a Villa Nobel con il poeta Hafez Haidar