Cervo: Sandro Veronesi e il suo "Colibrì" stregano il pubblico sulla piazza dei Corallini

Sono le note di Ennio Morricone ad introdurre la magica serata con il vincitore del Premio Strega 2020 Sandro Veronesi, ospite ieri sera a Cervo per raccontare il suo romanzo “Il Colibrì”.

Quella di ieri è stata la prima presentazione pubblica sul territorio nazionale dopo la proclamazione a Villa Giulia lo scorso 2 luglio. Per lo scrittore toscano è la seconda vittoria del Premio Strega: lo aveva già vinto nel 2006 con Caos Calmo. “Un libro in cui recupero tutto quello che ho scartato, di doloroso, dagli altri miei libri: con questo, si può dire, ho svuotato la soffitta della mia mente da tutti i rimasugli. Ora sono completamente vuoto” ha dichiarato l’autore.

Veronesi è quindi tornato a Cervo dopo la serata del 21 giugno dedicata ai sei finalisti del premio: “Tutto questo grazie alle capacità della curatrice Francesca Rotta Gentile, che ha saputo convincere Veronesi a replicare a Cervo e a regalarci questo primato nazionale – commenta il sindaco Lina Cha. – A Veronesi il nostro grazie per essere qui questa sera”.

Cervo è inoltre “Città che legge“, riconoscimento ottenuto, per il quarto anno consecutivo, dal Centro per il Libro e la Lettura (Ministero dei Beni Culturali), grazie alla manifestazione ‘Cervo Ti Strega’ e alle rassegna letteraria ‘Cervo in blu d’inchiostro’. “Cervo si propone come faro della cultura – aggiunge il sindaco – a livello provinciale ma anche regionale e nazionale, con eventi di grande spessore come il Premio Strega”.