È stato a seguito dell’esplosione della pandemia e del difficoltoso e sofferto lavoro di recupero fondi, tagliati da un bilancio pronto a decollare a fine marzo, che la Giunta comunale di Cervo ha scelto di rinunciare a parte degli onorari del 2020 per sostenere un fondo che andrà a gestire la ripartenza delle attività produttive e le situazioni di bisogno dei cittadini cervesi al termine dell’emergenza sanitaria.

È un piccolo segno di vicinanza alla nostra gente – dice il Sindaco Lina Cha – in un anno drammaticamente anomalo, dove anche un piccolo contributo può dare qualche risposta concreta al sostentamento delle famiglie e alla vita delle nostre attività produttive.

E così il Sindaco Lina Cha, il Vicesindaco Massimiliano Gaglianone e l’Assessore Ettore Chiappori hanno deciso di conferire la loro indennità mensile per un totale complessivo di € 8.800,00, un “salvagente” per coloro che hanno dovuto chiudere bottega e hanno difficoltà ad andare avanti. 

Accanto a questo encomiabile gesto ci sono altre scelte più sostanziose ed importanti che l’amministrazione comunale sta mettendo in atto nell’approntare il nuovo bilancio attraverso lo spostamento dai vari capitoli di tutte quelle risorse destinate ad altre seppur importanti iniziative che hanno lasciato spazio ad altri importanti provvedimenti  alla luce delle gravi vicende che stiamo vivendo.

In particolare con i residui ricavati dal conto consuntivo del 2019 e altri risparmi si potranno attivare interventi da destinarsi all’emergenza Covid-19 per un importo di circa € 200.000,00 una boccata di ossigeno alle famiglie e alle attività produttive che sono venute a trovarsi in seria difficoltà in questo tragico momento.

Così il Consiglio comunale di Cervo, che coinvolge nelle decisioni anche i consiglieri di opposizione, intende destinare le risorse:

  • sgravio della TARI
  • sgravio dell’imposta di pubblicità,
  • sgravio del canone di occupazione di spazi ed aree pubbliche,
  • sostegno, attraverso la strutturazione di un bando pubblico, al pagamento del canone di locazione per locali adibiti ad attività commerciali.
  • sostegno con i buoni alimentari ai nuclei familiari in difficoltà

In relazione a quest’ultimo punto il Comune ha reso operativo già dalla prima fase dell’emergenza il conto corrente dedicato per versamenti liberali a favore di buoni spesa per il sostegno delle famiglie bisognose intestato a: COMUNE DI CERVO – IBAN: IT13I0760110500000013554183 – CAUSALE: COVID-19 SOSTEGNO ALIMENTARE.

Da apprezzare la generosità di molti cittadini che hanno dimostrato grande spirito di solidarietà e generosità in questo momento delicato.