video
04:04

Edilizia scolastica, investimenti che mirano a migliorare la gestione dei rifiuti attraverso la meccanizzazione della raccolta differenziata e interventi per l’attrattività dei borghi storici: questi i tre principali bandi del Pnrr su cui si concentra il Comune di Cervo, al lavoro per cercare di reperire i fondi europei.

Con l’avvio del nuovo anno, abbiamo fatto il punto sulle progettazioni in itinere con il sindaco Lina Cha: “È iniziato il 2022 con un carico di impegni notevole, perché stanno partendo tutti i bandi del Pnrr a cui intendiamo aderire. Per quanto riguarda la scuola, si tratta della ricostruzione e costruzione di un nuovo edificio scolastico che per noi è urgente, visto che i due ordini di scuola a Cervo sono separati e la scuola dell’Infanzia ad oggi risulta abbastanza disagevole da raggiungere e priva di spazi adeguati. Quindi è necessario ripensare un nuovo edificio scolastico e stiamo lavorando alla progettazione dei due poli scolastici inserendo i nostri progetti dell’ambito del Pnrr.

Altre linee di intervento riguardano il miglioramento e la meccanizzazione del servizio di raccolta differenziata: pensiamo a isole ecologiche meccanizzate, possibilmente interrate o semi-interrate, quindi si sta lavorando in questa direzione.

Un altro aspetto importante riguarda l’attrattività dei borghi storici: credo che Cervo abbia tutte le caratteristiche e i titoli per partecipare, in particolare alla “linea A”, che prevede, in caso di vincita, 20 milioni da spendere per dare impulso alle attività di valorizzazione culturale ed economiche, riuscendo a riportare a Cervo tante attività che negli anni sono scomparse”.

Il Comune di Cervo si è inoltre aggiudicato il bando “In luce” promosso dalla Fondazione Compagnia di San Paolo: 72.000 euro da destinare alla valorizzazione delle identità culturali dei territori.

Tutti i dettagli nell’intervista video.

Articolo precedenteScuola, Toti e Cavo: “Oggi otto studenti e nove docenti su dieci regolarmente presenti in classe. Pronta la circolare per gratuità test antigenici alle elementari se un bambino risulta positivo”
Articolo successivoCovid, Alisa definisce il piano scuola relativo a misure sanitarie e attività didattica in base a circolari del ministero