[beevideoplayersingle videourl=”https://vimeo.com/234126285″]“Abbiamo perso duemila lavoratori nell’edilizia negli ultimi anni e abbiamo oltre 200 cantieri bloccati”. A dirlo è Antonio Sindoni, presidente degli Edili di Confartigianato Imperia, ritornando sui ritardi in Provincia delle pratiche relative al cemento armato. “Non conosco tutte le pratiche, ma sono che alcune di esse sono ferme da un anno, quando dovrebbero terminare per legge entro 60 giorni”.

Uno spiraglio nelle ultime ore sembra essersi aperto. Nella giornata di ieri, infatti, la Provincia ha annunciato di aver affidato le pratiche “in esubero” alla “Fondazione Eurocentre” per affrontare il problema dello smaltimento del lavoro arretrato. “Il nostro obiettivo è quello di garantire un celere e corretto iter burocratico alle pratiche di un settore trainante dell’economia locale come è quello dell’edilizia”, ha dichiarato il presidente Fabio Natta.

Articolo precedente2002 – La Sanremese batte 2 a 1 il Borgomanero
Articolo successivoCaccia, da domani oltre 5mila cinghiali abbattibili in provincia di Imperia