casinò di sanremo

Trend in crescita per gli incassi nel primo trimestre dalla riapertura. Dal 7 giugno, dopo la chiusura dovuta al Covid, a fine agosto il Casinò ha incassato 11,6 milioni di euro, con un introito medio giornaliero che supera quello realizzato nello stesso periodo del 2019.

In soli tre mesi, assicurando un ambiente ove vige il puntuale rispetto delle norme di sicurezza e di distanziamento, ove si accede solo dopo l’esibizione del green pass o documento equipollente, è stato possibile recuperare 2 milioni di euro rispetto al disavanzo iniziale dovuto ai cinque mesi di chiusura del 2021.

Confortanti segnali arrivano sia dai giochi tradizionali che da quelli elettromeccanici. Nel trimestre appena concluso la Fair Roulette, tra i giochi più gettonati, ha registrato un incremento del 80%.

La Poker Room ha e sta confermando la sua dimensione internazionale, proponendo tornei settimanali e gare di grande livello apprezzate da players provenienti da tutta Europa e soprattutto dalla vicina Francia. Bilancio positivo per le slot machines, tra le più tecnologicamente moderne e divertenti, che nel trimestre hanno introitato 9,3 milioni di euro, premiando al contempo i clienti con una serie di super Jackpot del valore superiore a € 4.999, che hanno superato il montepremi complessivo di 1,5 milioni di euro.

Apprezzamenti ed applausi hanno accompagnato gli eventi estivi, il concerto di Marco Masini e la festa di Ferragosto, spettacoli che si concluderanno in bellezza con l’esibizione di Fiordaliso sabato 4 settembre.

Il Casinò, sostenuto dal gradimento della clientela, prepara il suo calendario autunnale con la speranza di poter dedicare grandi e importanti eventi ai suoi ospiti, come nella sua migliore tradizione.

Articolo precedenteImperia, obbligo di green pass nelle sedi comunali: posticipata l’ordinanza al 13 settembre. Open day vaccinale per i dipendenti
Articolo successivoCampo Zaccari di Camporosso, la consigliere regionale Veronica Russo (FdI): “Incontro con i sindaci per comprendere lo stato dell’arte dell’impianto e la possibile riqualificazione”