Continua con successo la stagione teatrale del Casinò di Sanremo. Ieri sera ad incantare la platea del Teatro dell’Opera il coinvolgente spettacolo portato in scena da Barbara De Rossi e Francesco Branchetti dal titolo ‘Il Diario di Adamo ed Eva’. 

Lo spettacolo è tratto dalla narrazione di Mark Twain, il quale tra il 1904 e il 1905 scrisse due brevi racconti, Il diario di Adamo e Il diario di Eva, riuniti poi nel 1906 per formare un’unica narrazione. Mark Twain, attingendo al mito della Creazione, narra come siano andate le cose tra l’uomo e la donna in chiave ironica e umoristica ma anche fiabesca e romantica e come possa essere nata l’attrazione tra i due sessi.

Lo spettacolo ha visto l’intrigante partecipazione di due mimi, Umberto Bianchi e Raffaella Zappalà, che attraverso il linguaggio del corpo hanno raccontato l’incontro tra Adamo ed Eva.

Nella narrazione le due voci si avvicendano in modo commovente e allegro. Eva una creatura bizzarra e fantasiosa, romantica, vanitosa, chiacchierona sempre interessata a dare nomi agli animali, alle piante e al creato. Adamo è un uomo rude e facilmente irascibile, un solitario, innervosito dalla continua presenza di Eva, che lo segue incuriosita, parlando ininterrottamente.

I due diari si susseguono fino a che i due nonostante le diversità, si rendono conto che si amano. È l’incontro tra l’uomo e la donna, in questo giardino dell’Eden con tutti gli aspetti e le caratteristiche dell’uomo e la donna moderni, mirabilmente tratteggiati dalla grandezza della penna di Mark Twain.

I due attori, affiatati grazie alla loro collaborazione che dura da molti anni, hanno raccontato a Riviera Time l’anima e lo spirito dello spettacolo.