[beevideoplayersingle videourl=”https://vimeo.com/212938766″]Modificati dalla giunta regionale ligure i criteri per l’assegnazione delle case popolari e delle modalità di gestione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica. Tra le principali novità, spicca la revisione dei requisiti di accesso con l’introduzione della pluriennalità di residenza e attività lavorativa sul territorio regionale. Gli stranieri potranno accedere a una casa popolare solo se residenti in Italia da almeno 10 anni e da 5 in Liguria.

“Troppo spesso gli italiani sono stati superati da chi sul nostro territorio c’è da poco tempo. Adesso li abbiamo rimessi al centro”, ha dichiarato l’assessore regionale all’Urbanistica, Marco Scajola.

Articolo precedente1993 – Criminalità nel Ponente, parla il questore Minerva
Articolo successivoSolidarietà fra gli alunni del doposcuola di Imperia e gli allievi di Leonessa